Italia e Francia chiederanno nuovi finanziamenti all’Unione europea per il tratto comune della Torino-Lione. Lo ha annunciato Maurizio Lupi, titolare dei Trasporti, aprendo la riunione informale con i suoi omologhi europei alla Fiera di Milano. Prima dell’incontro, il ministro ha avuto un colloquio bilaterale con il collega francese Alain Vidalies, incentrato sull’alta velocità. “Chiederemo i soldi all’Unione europea, essendo in linea con i tempi”, ha spiegato Lupi, facendo riferimento ai 300 miliardi di euro di investimenti promessi da Jean Claude Juncker, presidente della Commissione europea. “Entro la fine di ottobre sarà costituita la nuova società che dovrà realizzare l’opera, 50 italiana e 50 per cento francese”, aggiunge. I due ministri si incontreranno l’8 ottobre per definire altre questioni tecniche: per esempio, bisogna capire come effettuare i controlli contro le infiltrazioni mafiose compatibilmente con la legge d’Oltralpe  di Stefano De Agostini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Scontri Università Statale, antagonisti occupano aula. Sospeso processo a No Tav

prev
Articolo Successivo

Salari forze dell’ordine, M5S: “Le risorse ci sono, tassiamo il gioco d’azzardo”

next