“I promessi sposi” possono ben valere un caffè. I gestori del bar Caffeina, a Lecco, hanno ideato una serie di iniziative per invogliare i passanti a entrare e fermarsi al bancone. I baristi offrono una tazza a chi accetta una sfida, ogni giorno diversa. Per “strizzare un occhio ai locali”, come spiega la barista Alessandra Gagni, i titolari del locale hanno invitato i clienti a portare un volume de “I promessi sposi” e a cantare “O mia bela madunina”. “Siamo a Lecco, la patria dei Promessi sposi. Non potevamo non farlo”, dice la barista. Ma le “sfide” del Caffeina non finiscono qui: si sono guadagnati un caffè gratis quanti hanno saputo dire il nome dei sette nani, si sono portati una tazzina da casa o hanno azzeccato il numero di chicchi di caffè in un barattolo  di Stefano De Agostini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Latina e provincia a mano armata: in città si spara, a Fondi sventato attentato

prev
Articolo Successivo

Tromba d’aria Arenzano, il sindaco: “Più di un milione di euro di danni”

next