Tutti contro Juan Camilo Zuniga, il difensore colombiano che nel match contro il Brasile, ha causato il serio infortunio a Neymar, asso verdeoro. A seguito del suo intervento scomposto, l’attaccante del Barça ha riportato la frattura della terza vertebra. Zuniga non ha intenzione di finire sotto accusa: “Si è trattato di un’azione normale. Non avevo certo intenzione di fargli del male”.

Molte critiche sono piovute sul difensore del Napoli e della nazionale colombiana che, intervistato dalla televisione brasiliana Globo, si difende: “Sul campo do tutto per la maglia del mio paese, ma senza mai la volontà di ferire un avversario. E’ stata una partita che entrambe le squadre volevano vincere. Ci sono stati contrasti duri, ma i brasiliani non erano da meno – aggiunge Zuniga -. E’ normale. Certo non sono intervenuto con la volontà di fratturargli la colonna. E’ una cosa molto triste”.

Infine un augurio di pronta guarigione a Neymar: “Spero che con l’aiuto di Dio non sia qualcosa di più grave, perché tutto il mondo sa che è un grande talento per il Brasile”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali 2014, il ct della Germania Loew: “Quarta semifinale in fila? Pazzesco”

prev
Articolo Successivo

Argentina – Belgio, è sfida tra Hazard e Messi per la semifinale

next