Capelli bianchi, occhi vivaci, linguaggio chiaro: Bernard Ollivier è un bel signore di 76 anni . Lo incontro al Festival della Viandanza, dove è venuto a parlare del suo metodo di rieducazione dei giovani criminali: tre mesi di cammino in un paese straniero con un educatore. L’idea gli è venuta constatando sulla propria pelle a sessanta anni che  fare il cammino di Santiago lo aveva fatto  recuperare da una  depressione per cui aveva contemplato il suicidio.

In cammino aveva sentito parlare di un progetto belga di rieducazione  e decise due cose: continuare a camminare e creare qualcosa del genere in Francia. A sesssantaquattro anni  fece la grande marcia verso Pechino: i libri in cui la raccontò vendettero moltissimo e con sessantamila euro fondò l’associazione Seueil, la soglia. Il progetto era semplice, dopo alcuni aggiustamenti: un adolescente invece di scontare la pena in un carcere minorile, accetta di partecipare a questo programma, che prevede un cammino di tre mesi all’estero con un educatore. Ollivier sostiene di non avere inventato nulla . E’ una prova di iniziazione, come quella  a cui si sottoponevano i giovani guerrieri tra gli indiani d’America.

I tassi di recidiva tra i giovani delinquenti che escono dal carcere sono dell’ottanta per cento, tra quelli che accettano di partecipare a questa “riabilitazione  camminata” sono solo del venti per cento. L’ educatore cammina con l’adolescente in un paese straniero: Italia, Spagna , Germania. Non sono rose e fiori, ci sono crisi profonde, ma alla fine l’autostima del ragazzo o della ragazza cresce enormemente: ero uno zero, ora sono un eroe, dice un ragazzo che a sedici anni era già finito una cinquantina di volte davanti al giudice. Non è da tutti fare quasi duemila chilometri a piedi. E quante cose si imparano su se stessi, sugli altri, sul mondo in un’esperienza del genere ?

Un ragazzo alla volta, solo ventiquattro l’anno. E i costi per la giustizi? Un budget di 14 euro al giorno ciascuno per l’educatore e per il ragazzo, cinque volte meno del costo pro capite in carcere.

I ragazzi e le ragazze possono essere colpevoli, ma sono vittime al tempo stesso e il carcere non  rieduca , lo sappiamo benissimo. Perché uno solo? Perché due sono  già una banda, spiega Ollivier : si coalizzerebbero contro l’educatore o litigherebbero tra di loro. Lungo il cammino sono incoraggiati a conoscere gli altri viandanti, a scoprire che gli adulti non sono tutti nemici.

Olivier ha visto nascere  progetti basati sulla sua esperienza in Polonia, in Svizzera, nella Corea del Sud: qualcuno ci sta pensando in Italia. Sarebbe bello.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Yara Gambirasio, l’ultimo sms a una amica quando era già con il suo assassino

prev
Articolo Successivo

Anticorruzione, il decreto per Cantone non c’è. E circolano già dubbi sull’efficacia

next