Fabio Capello, Roy Hodgson. E anche il nostro Cesare Prandelli. Sono loro gli allenatori più pagati del Mondiale. Perché se le grandi stelle di Brasile 2014 portano a casa stipendi milionari, anche alcuni ct non sono da meno. E non sempre il compenso è direttamente proporzionale al palmares e ai risultati conseguiti. Allenare la nazionale è sempre stato uno dei mestieri più invidiati al mondo. E ancor di più lo è a guardare certe cifre: i 32 tecnici del torneo guadagnano complessivamente circa 48 milioni di euro l’anno, in media un milione e mezzo ciascuno.

Ma da un estremo all’altro del globo ci sono differenze anche abissali. La classifica dei “paperoni” del Mondiale è guidata da un italiano che da un po’ di tempo ha deciso di far fortuna all’estero: Capello, ct della Russia, supera gli 8 milioni di euro l’anno. Uno stipendio assolutamente straordinario nel panorama delle federazioni calcistiche mondiali: il secondo tecnico più pagato, l’inglese Roy Hodgson, si ferma a poco più della metà del compenso del suo predecessore. E il più “povero” del mondiale, l’esuberante ct del Messico Miguel Herrera, guadagna meno di un cinquantesimo del suo collega, “appena” 155mila euro a stagione.

Ma, del resto, per Capello non è una novità essere il commissario tecnico più pagato al mondo: già al suo precedente incarico con l’Inghilterra percepiva circa 6 milioni di sterline a stagione. Alle sue spalle si piazzano appunto Hodgson, e poi il ct azzurro Cesare Prandelli, fresco di rinnovo con la Figc fino al 2016, a tre milioni di euro lordi a stagione. Un contratto con cui il tecnico di Orzinuovi è riuscito a strappare uno stipendio superiore a quello di suoi colleghi dal curriculum ben più prestigioso. Come ad esempio Vicente Del Bosque, che ha vinto due Lighe e due Champions League col Real Madrid, oltre a un mondiale e un europeo con la Spagna; ma che per guidare le Furie Rosse si “accontenta” di 2,5 milioni l’anno. O Luis Van Gaal, santone del calcio olandese, allenatore in passato del grande Ajax e nel prossimo futuro del Manchester United, che prende meno di due milioni l’anno sulla panchina degli Orange.

Ma gli allenatori italiani sono molto richiesti. E costano caro. Non a caso, nella top ten dei più pagati figura anche un terzo azzurro: si tratta di Alberto Zaccheroni, che dal 2010 ha trovato lavoro sulla panchina del Giappone (con cui ha anche vinto una Coppa d’Asia), e che guadagna poco meno di due milioni di euro. Alle periferie del mondo del pallone, invece, il mestiere di ct è ricompensato con cifre di gran lunga inferiori. Il portoghese Carlos Queiroz, col suo milione e mezzo di euro percepito dalla ricca federazione iraniana, è l’eccezione che conferma la regola. Tutti i selezionatori delle nazionali africane si fermano sotto il tetto del milione di euro: James Appiah, ct del Ghana, guadagna 185mila euro l’anno. E su livelli simili in Europa si attestano anche il croato Niko Kovac e il bosniaco Safet Susic.

Il discorso cambia leggermente se si va a calcolare la proporzione fra lo stipendio dei ct e il salario medio nazionale nei vari Paesi. In questa particolare classifica il primo diventa proprio un allenatore africano: Sabri Lamouchi, francese ex giocatore di Parma e Inter, oggi sulla panchina della Costa D’avorio, con i suoi 750mila euro l’anno guadagna quasi 800 volte di più di un cittadino ivoriano. Il secondo resta Fabio Capello, col suo compenso faraonico. Mentre il terzo è proprio l’allenatore della nazionale di casa: lo stipendio di Luiz Felipe Scolari (che è anche indagato per evasione), supera la media del Brasile di 334 volte. Una delle tante sperequazioni che suscita indignazione nel Paese. E allontana i brasiliani dalla loro amata nazionale.

Lo speciale Mondiali de ilfattoquotidiano.it

Twitter: @lVendemiale

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia-Inghilterra vola su Twitter, 7,2 milioni di tweet

next
Articolo Successivo

Van Persie mania: il nonno imita così il gol del nipote, poi posta la foto su Twitter

next