“Una benedizione? Forse ci servirebbe”. Cesare Prandelli non si piange addosso e scherza nonostante l’infortunio di Gigi Buffon a poche ore dal match con l’Inghilterra, e carica gli azzurri. Durante la conferenza stampa il ct si mostra fiducioso per la partita dell’Arena Amazonia e su come battere gli inglesi: “Puntiamo al dominio a centrocampo. Il terreno di gioco? Nonostante le critiche l’abbiamo trovato in buone condizioni“.

La prima sfida di Brasile 2014 sembra cominciare in salita per l’italia, che rischia di dover fare a meno fra i pali del capitano e totem Gigi Buffon. Prandelli prova a scherzarci su: “Buffon si è procurato una leggera distorsione alla caviglia. Chiedere a qualcuno di benedirci? Forse servirebbe“. A farlo non saranno certo gli inglesi, ma l’allenatore azzurro sembra avere in testa un piano per battere la Nazionale dei Tre Leoni: “Puntiamo al dominio a centrocampo. La nostra arma in più sarà essere squadra“. Infine, riguardo le mille polemiche scatenate dai media inglesi sul campo dell’Arena Amazonia, ingiallito in alcune zone, Prandelli dice: “Ci avevano parlato di un campo in cattive condizioni, l’abbiamo trovato non eccezionale ma comunque buono”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mondiali Brasile 2014: Cile-Australia 3-1, tabellino e pagelle

prev
Articolo Successivo

Mondiali 2014, “allarme bomba nei pressi dello stadio di Manaus”

next