Il 3 Dicembre del 2013 il Governo approva il Decreto sulla Terra dei fuochi. Il 10 Dicembre è pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Mercoledì scorso, 5 Febbraio 2014, il decreto è definitivamente convertito in Legge della Repubblica italiana.

Oggi, a più di 60 giorni dall’entrata in vigore della nuova legge. Ci troviamo in località Masseria del Pozzo, tra le discariche definite bombe ecologiche Resit 1 e 2 (quelle di Cipriano Chianese) e Novambiente (di Gaetano Vassallo). Ancora sotto sequestro giudiziario e in attesa di interventi di messa in sicurezza.

In foto, tra le discariche è possibile accertare campi di broccoli lasciati liberi al pascolo di bestiame successivamente alla raccolta degli ortaggi già destinati ai mercati.
Anche se i prodotti risultano “puliti” alle analisi di laboratorio, è normale coltivare in mezzo a bombe ecologiche acclarate(?).

Terradeifuochi-Ferrillo

Condividi e Passaparola
La Terra dei Fuochi 
hashtag #terradeifuochi #Farsa #Costa #CFS #Napolitano #Patriciello #bonifiche #Tumori #Campania #Caldoro #Taranto #Ilva #Orlando #Governo #Letta #Giugliano #Resit

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Destinazione Italia: bonifiche, cronaca di un condono annunciato

next
Articolo Successivo

Costa Adriatica: quasi solo cemento

next