Il governatore lombardo Roberto Maroni ha consegnato al ministro della Salute Beatrice Lorenzin in visita a Milano una relazione di quattro pagine sull’origine del caso Stamina in Lombardia. “La Regione non ha mai autorizzato nulla”, ripetono insistentemente l’assessore alla Salute, Mario Mantovani, e il presidente Maroni in conferenza stampa. Quando è stato siglato l’accordo tra l’ospedale pubblico di Brescia e la Stamina Foundation, al suo posto sedeva Roberto Formigoni. Ma a un anno dall’insediamento al Pirellone, nessuno ha pensato di fare chiarezza su quei dirigenti (citati nell’indagine del Nas) che nel 2011 lavoravano in Regione e ci lavorano anche oggi. E’ il caso del direttore vicario della Sanità, Luca Merlino, tra i primi pazienti del trattamento Stamina a Brescia: “Se dovessimo accertare comportamenti personali che violano il codice etico della Regione, interverremo. Ma dalla relazione tutto ciò non risulta”  di Francesca Martelli

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marò, il Quirinale: “Da India gestione vicenda sconcertante e contraddittoria”

next
Articolo Successivo

Carceri, due fascicoli aperti su presunte violenze a Poggioreale

next