Sono stati i Daft Punk i protagonisti assoluti della 56esima cerimonia di premiazione dei Grammy Awards. Il duo parigino ha portato a casa cinque premi, tra cui quello per l’album dell’anno – per Random Access Memories – e per il Record of the Year – per il tormentone Get LuckyUn trionfo su tutta la linea da dividere solo un po’ con l’altro protagonista della serata: il rapper Macklemore, vincitore di quattro Grammy e rivelazione della serata.

Tra gli altri vincitori, la neozelandese Lorde che ha portato a casa l’ambito premio per la canzone dell’anno e quello per la migliore performance pop con la canzone Royals; Bruno Mars, premiato per il miglior album Pop; i redivivi Black Sabbath per la migliore performance metal con God is dead?, i Led Zeppelin per il miglior album rock, Paul McCartney per la migliore canzone rock con Cut me some slack. 

La notizia più importante della serata, però, è la totale assenza di premi per le signore del Pop più commerciale: Katy Perry, Madonna, Beyonce, Lady Gaga, Britney Spears e compagnia, per una volta hanno dovuto cedere la scena ad altri generi musicali di solito relegati in secondo piano.

Ma il pop si è preso la rivincita per quel che riguarda le esibizioni live sul palco dei Grammy, a cominciare dal duetto tutto in famiglia di Beyonce e Jay Z che ha aperto la serata. Kay Perry, invece, ha scelto di esibirsi in un’atmosfera cupa da caccia alle streghe, con tanto di rogo finale.

La stagionata Madonna, che non è mica scema e sa sempre verso dove soffia il vento, è salita sul palco con Macklemore & Ryan Lewis per cantare l’inno gay-friendly Same Love. Durante l’esibizione, inoltre, l’attrice e cantante Queen Latifah ha officiato 34 matrimoni (gay e etero) sul palco. Attesissima era l’esibizione di Paul McCartney e Ringo Starr, ma la verità è che il batterista ha semplicemente fatto da tappezzeria mentre sir Paul cantava Queenie Eye, pezzo del suo ultimo album. Divertente e bizzarro il duetto tra Robin Thicke e i Chicago, costretti a suonare l’altro tormentone dell’anno: Blurred LinesMa le esibizioni più osannate dal pubblico sono state senza dubbio quelle dei Daft Punk, con un medley adrenalinico dei loro successi, e di Lorde, la giovane neozelandese ormai diventata fenomeno planetario. 

Anche quest’anno, la grande festa della musica va in archivio. E dopo tanti anni di trionfi pop, per gli amanti degli altri generi c’è uno spiraglio di luce in fondo al tunnel commerciale. Durerà?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Editoria, più che scuole di scrittura servirebbero scuole di lettura

next
Articolo Successivo

Schindler’s List, ho incontrato Leon Leyson

next