Il dramma e la speranza: Enrico Mentana intorno alle 22. 30 del 5 gennaio 1984 dà la notizia, durate il Tg 1 di mezza sera, dell’omicidio del giornalista Giuseppe Fava, a Catania, a pochi passi dal teatro Stabile; alcuni studenti liceali bussano alla porta della redazione del mensile antimafioso I Siciliani e si offrono volontari per lavorare con quei giovani redattori di cui si era circondato “Il direttore”.

Sono sotto choc dopo l’uccisione del loro maestro. Costretti a diventare grandi nella maniera più terribile. Sono la scena iniziale e quella finale della docufiction I ragazzi di Fava che andrà in onda in seconda serata su Rai 3 il 5 gennaio, in occasione dei 30 anni dalla morte di Pippo Fava, su ordine del boss Nitto Santapaola

Quello che si vede, prima e dopo il suo omicidio, è accaduto veramente (a parte la licenza poetica di una giornalista tedesca a cui viene narrata la storia). Chi scrive, ha fatto parte dei “Siciliani giovani”: dopo la morte di Fava hanno bussato alla porta di quella redazione scomodissima e isolata da una città, Catania, in gran parte silente o complice. Hanno scritto su un giornale per studenti, I Siciliani giovani, appunto, si sono stretti intorno a quei redattori, quasi tutti poco più che ventenni, che conducevano inchieste dirompenti, quasi “veggenti”, sull’intreccio politico-economico-mafioso che dalla Sicilia si propagava (e si propaga) nel resto d’Italia. Con l’esempio di Pippo Fava nell’anima. La regia è di Franza Di Rosa, che torna così in Rai dopo l’epurazione di Satiricon. La sceneggiatura è di Gualtiero Peirce e Antonio Roccuzzo, uno dei ragazzi, dei “carusi” di Fava. Gli attori protagonisti, che impersonano sei dei redattori de I Siciliani, “lo zoccolo duro”, sono esordienti e bravissimi. Fa impressione, per chi li conosce, la somiglianza con i veri ragazzi di Fava. In particolare Giuseppe Mortelliti che interpreta Riccardo Orioles. Roccuzzo è impersonato da Francesco Lamantia; Claudio Fava da Alessandro Meringolo, Miki Gambino da Luciano Falletta; Rosario Lanza da Paride Cicirello ed Elena Brancati da Barbara Giordano. Pippo Fava, per scelta assolutamente riuscita degli autori, non è interpretato da un attore. Attraverso i filmati di repertorio c’è lui in carne, ossa e cuore che sviscera il potere mafioso. In un filmato ritrovato da poco, del 18 dicembre 1983, parla con grande passione di mafia e politica a una platea di ragazzi nel teatro di Palazzolo Acreide, il suo paese d’origine. E poi lo si vede accanto a Nando dalla Chiesa, intervistato da Enzo Biagi, pochi giorni prima che fosse ucciso. È la famosa intervista, l’ultima della sua vita, in cui dice “Io ho visto molti funerali di Stato: molto spesso gli assassini erano sul palco delle autorità”.

Il tocco del cinema con la C maiuscola lo dà Leo Gullotta che, per omaggiare il suo amato amico Pippo Fava, ha accettato di fare un cameo: è lo zio di Antonio che incarna la cattiva coscienza di Catania: “Ma cu tu fa fari”; “A mafia non esiste e comunque non la sconfiggi tu”; “Viri che se continui così t’ammazzano”.

Un altro cameo è di un’attrice storica dello Stabile di Catania, Alessandra Costanzo, che fa la madre di Antonio. Nel film non si dice il nome ma ci piace ricordarlo: Giusy Roccuzzo. La mamma di Antonio era una presenza fortissima per i ragazzi di Fava e per I Siciliani Giovani. Una forza della natura che ha sempre accolto tutti nella sua villa ai piedi dell’Etna, incoraggiato il giornalismo d’inchiesta, il movimento antimafia e preparando dei piatti memorabili, soprattutto nelle magiche feste di capodanno.

La docufiction farà il giro di tante scuole. I ragazzi del 2014 ascolteranno Pippo Fava, come quelli degli Anni ‘ 80, e sarà come se non fossero passati 30 anni. Roccuzzo ne è convinto: “Fava diceva che non c’è libertà se non c’è giornalismo libero e viceversa. E la sua, insieme a noi, è stata un’esperienza di giornalismo libero. Scrivevamo tutto, pure della mafia a Milano, al Nord e ci prendevano per pazzi. Anche oggi un giovane che vuole fare questo mestiere ha poche occasioni, pochi spazi di libertà, Il Fatto è un esempio raro in Italia. Credo che i discorsi di Pippo Fava siano utili anche ai ragazzi del duemila”. Fava non era solo un giornalista libero ma anche un commediografo e scrittore dalla penna seducente. Diceva: “A cosa serve vivere se non si ha il coraggio di lottare?”. Parole che, davvero, parlano ancora a tutti. Soprattutto nell’Italia di oggi.

il Fatto Quotidiano, 2 Gennaio 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna chiama Napoli, nell’antimafia non ci sono solo le Rosy Canale

prev
Articolo Successivo

Minacce ai magistrati: cinquemila candele per cancellare il buio delle mafie

next