Lettera di Marco Travaglio a Eugenio Scalfari, a cui chiede: “Lei non ha mai dedicato una riga alle minacce di Totò Riina arrivate al pm Di Matteo, dopo averlo attaccato per le telefonate tra Napolitano e Mancino. E Napolitano non ha mai dato la sua solidarietà a Di Matteo, che coordina le indagini sulla trattativa Stato-mafia, ma ha espresso solo una generica vicinanza a tutta la magistratura minacciata. Ma” – osserva – “Riina non ha solo minacciato Di Matteo, ha ordinato di ucciderlo in una strage simile a quelle che assassinò Falcone e Borsellino“. Il vicedirettore de “Il Fatto Quotidiano” aggiunge: “Cosa impedisce a lei e a Napolitano di citare Di Matteo per nome e cognome? Il dubbio è che per voi Di Matteo sia innominabile perché osò intercettare Mancino e incappò nelle telefonate con Napolitano. Caro Scalfari, perché non usa la sua influenza per dire a Napolitano di correre a Palermo e testimoniare?” E osserva come in passato il giornalista di Repubblica era solito criticare molti capi dello Stato: “Lei chiese addirittura la perizia psichiatrica per Cossiga, perchè faceva politica dal Colle“. Inevitabile la menzione dello scontro tra Scalfari e Barbara Spinelli: “Lei se l’è presa con la Spinelli per negarle di scrivere che a volte Grillo ha ragione e Napolitano torto. Lei difende Napolitano a prescindere e bacchetta chi lo critica. Ha detto a Spinelli che non conosce la storia d’Italia. La Costituzione non prevede un Capo dello Stato ‘a condizione che’. Scalfari, sarebbe bello se chiedesse scusa a Spinelli“. E conclude: “Caro Scalfari, è Natale. Sarebbe bellissimo se lei convincesse Napolitano a inviare un messaggio a Di Matteo”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sentenza “anti-casta”, via l’immunità a Paolo Guzzanti per frasi diffamatorie

next
Articolo Successivo

Serial killer Genova, Cancellieri: “Il carcere conosceva la sua storia criminale”

next