Sabato 16 novembre, tardo pomeriggio, Queens, New York. Fuori dal capannone abbandonato trasformato in un museo a cielo aperto di street art, alcune centinaia di persone manifestano per salvare 5Pointz. Raccolgono firme per cercare di fermare le ruspe, pronte a buttare giù quelle mura ricoperte di graffiti. Sul palco improvvisato si alternano ragazzi e ragazze che a 5Pointz sono cresciuti. Spiegano che cosa ha significato per loro quel posto. Una scuola: di arte e di vita. Una comunità fatta di regole e lezioni. Perché lì non sono ammessi scarabocchi e prepotenze: si dipinge solo con il permesso, nei sabati e nelle domeniche, da mezzogiorno alle sette. Ma ora non più. Tre giorni fa il New York Times ha documentato con alcune foto la nuova facciata di 5Pointz. Sbianchettata. Tutto via con due pennellate di disprezzo  di Paola Zanca

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il caso marò: facciamo il punto

prev
Articolo Successivo

Londra, “liberate tre donne prigioniere da 30 anni”. Due persone arrestate

next