Per il nuovo inceneritore di Torino siamo al settimo incidente, alcuni dei quali hanno provocato il blocco, in circa un anno di attività. Quasi un migliaio di cittadini sono scesi in piazza per protestare come il termovalorizzatore. “Si tratta di un’opera” spiega uno dei promotori della manifestazione “che il Comune ha pagato circa mezzo miliardo di euro e che ha rivenduto, solo al 80%, a Iren per 120 milioni” un vero affare per il privato. “I soldi incassati” continua Chiara Appendino, consigliere comunale M5s “sono stati utilizzati dal sindaco per rispettare il patto di stabilità l’anno passato”. Ora l’inceneritore, aperto in fretta per poter usufruire dei finanziamenti statali, è in mano al privato che vuole ottenerne dei benefici bruciando rifiuti. “La capacità dell’inceneritore è di oltre il 50% dei rifiuti prodotti a Torino” spiega Piero Cavallari uno dei portavoce della protesta “quindi il Comune deve scegliere se far fruttare l’investimento dei privati o aumentare la raccolta differenziata”  di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti, corteo dei 20mila in Campania: “Ci uccidete, non abbasseremo più la testa”

next
Articolo Successivo

Axa-Malafede, la villa romana e l’archeologia ‘metafisica’

next