“La storia si è risolta”. Così l’avvocato Paolo Giachini annuncia di aver “trovato un accordo con le autorità” sul destino della salma dell’ex capitano delle Ss Erich Priebke, condannato per l’eccidio delle Fosse Ardeatine. “Verrà sepolto in un posto che però io non rivelo”, sottolinea il legale ricordando che le ipotesi erano una sepoltura “in Italia o in Germania” e che nell’ambito di queste ipotesi “si è trovata una soluzione”. Dall’ambasciata tedesca a Roma però, si sono affrettati a smentire ogni contatto:  “Per quanto ci riguarda finora, nella giornata di oggi, non abbiamo avuto nessuna telefonata da parte del legale della famiglia e non è arrivata nessuna richiesta”.

“Noi volevamo una soluzione che riuscisse a risolvere le problematiche spirituali-religiose e che non fosse degradante per il ricordo di amici e parenti di Priebke“, sottolinea il legale. “Avevamo escluso la cremazione senza un rito religioso -afferma Giachini- e dunque volevamo una sepoltura dignitosa”. L’ex capitano delle Ss “verrà sepolto in un posto che non rivelo -sottolinea il legale- perchè questo è un paese dove circolano non solo personaggi che vilipendono le salme con il pensiero e le parole, ma addirittura delinquenti che aggrediscono le salme“. Giachini, dunque, non si sbilancia sul luogo su cui è stata trovata l’intesa, ma si dice soddisfatto: “La buona novella è che siamo soddisfatti perché abbiamo ottenuto il rispetto della salma e dei sentimenti dei parenti e degli amici”.

L’avvocato ha inoltre spiegato che “per le pratiche liturgiche non c’è bisogno della salma e che quindi potranno anche essere successive”. Soltanto la benedizione doveva essere effettuata subito.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Priebke, il padre lefebvriano: “Stasera celebro il requiem per la sua anima”

prev
Articolo Successivo

Manifestazione Roma, Anonymous oscura i siti web delle istituzioni

next