Choosy“, “fannulloni”, “bamboccioni”, “sfigati” e “poco occupabili”. I ministri italiani, di questo e dei precedenti governi, non usano mezzi termini per rivolgersi agli italiani. L’ultima dichiarazione senza filtri è di Enrico Giovannini, ministro del Lavoro. “L’indagine promossa dall’Ocse secondo cui gli italiani sarebbero in fondo alla classifica nelle capacità linguistiche e espressive fondamentali dimostra quanto gli italiani siano poco occupabili“, ha detto commentando i dati diffusi sulla scuola dall’organizzazione internazionale. E le reazioni indignate sui social network non si sono fatte attendere.

D’altronde anche il predecessore di Giovannini, Elsa Fornero, non si era fatta problemi a ottobre dell’anno scorso, quando – nel corso di un convegno nella sede di Assolombarda – aveva definito i giovani “troppo choosy“, ovvero schizzinosi, sottolineando che “è meglio prendere la prima offerta e poi vedere da dentro e non aspettare il posto ideale”.

Non era stato da meno l’ex vice ministro al Welfare, Michel Martone, che nel gennaio del 2012 si era scagliato contro chi a 28 anni non è ancora laureato, definendolo “uno sfigato. “Dobbiamo dire ai nostri giovani – aveva detto il vice della Fornero – che se a 28 anni non sei ancora laureato sei uno sfigato, se decidi di fare un istituto tecnico professionale sei bravo. Essere secchione è bello, almeno hai fatto qualcosa”. E ancora: “Bisogna dare messaggi chiari ai giovani”.

“Mandiamo i bamboccioni fuori di casa”, aveva invece sintetizzato con estrema brutalità e molta ironia alla fine del 2007 l’allora ministro dell’Economia, Tommaso Padoa Schioppa nel corso di un’audizione davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato, lanciandosi in una filippica contro i ragazzi che stanno ancora alle dipendenze dei genitori: “Incentiviamo a uscire di casa i giovani che restano con i genitori, non si sposano e non diventano autonomi. È un’idea importante”.

Mentre Renato Brunetta, quando nel 2008 era ministro dell’Innovazione e della Funzione pubblica, si era scagliato contro i “dipendenti fannulloni“, che “vanno semplicemente licenziati”. L’attuale capogruppo del Pdl alla Camera era intervenuto così nel discorso d’inaugurazione del Forum della pubblica amministrazione alla Fiera di Roma. E più tardi, nella registrazione di Porta a Porta, aveva citato una frase di Mao usata spesso dalle Br: “Colpirne uno per educarne cento. Chi non lavora non deve mangiare, il sistema pubblico deve essere equiparato a quello privato premiando chi lavora bene e licenziando chi non lo fa. Bisogna puntare sugli incentivi come accade nelle aziende private”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Professioni, approvata la direttiva per esercitare in tutti i Paesi Ue

next
Articolo Successivo

Fallimento De Tomaso, curatore ha inviato 900 lettere di licenziamento

next