Perché Ignazio La Russa e il centrodestra milanese – Pdl/Forza Italia e Fdi insieme – non organizzano una bella campagna contro il consumo di cocaina in città? E magari anche una grande iniziativa pubblica contro la ‘ndrangheta, principale fornitrice di polvere bianca?

Dovrebbero farlo, per coerenza. Un anno fa, dopo l’assassinio di un imprenditore e di sua moglie a colpi di pistola, all’ora dell’aperitivo nella semicentrale via Muratori, lo stato maggiore del Pdl si precipitò sul teatro dell’agguato per lanciare l’allarme sicurezza nella Milano conquistata dalla sinistra di Pisapia. Oltre a La Russa c’erano Daniela Santanché, Maria Stella Gelmini, Roberto Formigoni, e big locali come l’ex vicesindaco De Corato. “Pisapia riconosca i suoi errori e dismetta l’ideologia dell’odio per le divise delle forze dell’ordine”, aveva tuonato l’ex ministro della Difesa. Il sindaco, infatti, aveva detto no alle pattuglie dell’esercito per le strade della città. Nell’occasione fu lanciata una raccolta di firme ( che fine avrà fatto?) e fu distribuito un volantino: “Pisapia svegliati dal sonno dell’ideologia, a Milano si spara come a Bogotà e a Scampia”.

L’intuizione di Bogotà avrebbe meritato maggiore approfondimento. Oggi sappiamo, grazie all’indagine della squadra mobile di Milano, che Massimiliano Spelta e Carolina Ortiz Paiano sono stati ammazzati perché pretendevano il pagamento di una partita da un chilo e mezzo di cocaina importata dalla Repubblica Dominicana. E che gli assassini, i debitori che si dicevano scontenti della qualità della merce, sono pregiudicati non affiliati alla ‘ndrangheta, ma in qualche modo “confinanti” con quell’organizzazione criminale. Difficile pensare che la presenza di pattuglie dell’esercito avrebbe mutato i loro proposito, al massimo l’orario e la location.

Il duplice omicidio di via Muratori è un delitto per cocaina maturato in un contesto paramafioso. Ma di battaglie del Pdl contro la “neve” dilagante sotto la Madonnina non si ha memoria. Di quelle contro la Commissione antimafia in Consiglio comunale sì. Nessun banchetto, oggi, in via Muratori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Papa Francesco, la riforma del Vaticano: meno poteri al segretario di Stato

next
Articolo Successivo

No Tav, Alberto Perino indagato per istigazione a delinquere da Procura Torino

next