Non sono bastate 14 sentenze del Tar. All’imprenditore calabrese Antonio De Masi non è stato erogato il mutuo anti-usura nonostante ne abbia diritto, come stabilito dalla giustizia amministrativa. Ora lui vuole chiudere la sua azienda per “crimini di Stato”, dato che, come dimostrato in numerosi processi, è una vittima del sistema bancario italiano. Ma c’è di peggio, a maggio De Masi ha subito una pesante intimidazione mafiosa: 40 colpi di mitra contro il capannone della sua ditta di Gioia Tauro. Oggi l’azienda è piantonata dall’esercito e l’uomo vive sotto scorta, ma lui non si fida: “Mi ammazzeranno perché ho denunciato. Sono un morto che cammina”  di Lucio Musolino

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kazakistan: si è dimesso Procaccini, il capo gabinetto di Alfano

next
Articolo Successivo

Match race nel Pacifico tra Maserati e Ragamuffin

next