A San Rocco al Porto, provincia di Lodi, c’era uno dei tanti invasi dove la ‘ndrangheta sversava rifiuti tossici. Il caso è stato sollevato grazie all’inchiesta “Fly Hole” della Dda si Milano, secondo cui gli scarti pericolosi venivano prima declassificati in terra e roccia e poi sistemanti negli invasi. Ma nel frattempo la cava è stata chiusa e oggi sopra il buco ci sono distese di campi di mais. “Noi di quello che leggiamo sui giornali (che lì sotto ci possono essere i rifiuti della mafia, ndr) non ne siamo ufficialmente informati”, si difende il sindaco Giuseppe Ravera, ma intanto i cittadini sono preoccupati e chiedono all’amministrazione di intervenire per sapere davvero cosa si nasconde sotto la terra  di Fabio Abati

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spending review, una proposta: abolire il Ministero dell’Ambiente

next
Articolo Successivo

Il Nord Europa è a caccia di rifiuti per scaldarsi. Quelli italiani? “Troppo sporchi”

next