Circa 800mila sequestri di materiale irregolare per le sigarette elettroniche, per un valore di oltre 5 milioni di euro. E’ il risultato delle operazioni dei nas nei primi cinque mesi del 2013, che hanno portato a denunciare 114 persone. Sono stati sequestrati, in particolare, 11mila kit, 90mila ricariche senza nicotina e 692mila flaconi con nicotina.

I controlli dei carabinieri della salute sono stati effettuati in tutta Italia tra gennaio e maggio. Le violazioni, per le quali sono state denunciate 83 persone all’autorità giudiziaria e 31 a quella amministrativa, vanno dalla totale assenza di etichettatura, a mancanze nella etichettatura stessa (dalla marcatura CE agli avvisi di prudenza e frasi di rischio), alla violazione dell’ordinanza di aprile del ministero della Salute che ha elevato a 18 anni il divieto di vendita anche per le e-cig.

Si tratta dell’ennesima batosta per la sigaretta elettronica, dopo che il Consiglio superiore di sanità (Css), riunito per discutere a 360 gradi di regole sulle e-cig, ha esortato a vietarne l’uso nelle scuole, per non esporre i ragazzi a comportamenti che evochino il vizio del fumo. E ha chiesto anche regole per la pubblicità, contro il rischio di induzione al tabagismo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jolly Nero, incidente di Genova: indagato il presidente della compagnia Messina

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, il pentito Lo Giudice ritratta. “Subito pressioni da Dda”

next