Con la richiesta di rinvio a giudizio di 18 persone si è conclusa a Roma l’inchiesta sugli appalti per il G8 e per i grandi eventi. Tra le persone coinvolte l’ex capo della Protezione Civile Guido Bertolaso, l’imprenditore Diego Anemone e l’ex provveditore alle opere pubbliche Angelo Balducci, nonché pubblici funzionari.

I reati contestati dal pm Roberto Felici a seconda della posizione processuale, sono l’associazione per delinquere e la corruzione. Bertolaso è imputato solo per quest’ultima accusa. A lui si contesta che in veste di pubblico ufficiale avrebbe favorito Anemone ricevendo benefit anche di natura sessuale. Per i fatti contestati nel febbraio del 2010 venne emesse un’ordinanza di custodia cautelare che portò in carcere diverse persone alcune delle quali funzionari pubblici.

L’indagine era cominciata sulla base di elementi emersi dall’inchiesta avviata a Firenze sulla costruzione della scuola dei marescialli della Guardia di Finanza. Parte degli atti poi fu trasferita poi sia a Perugia sia a Roma. Tra gli appalti presi in esame dall’inchiesta ci furono i mondiali di nuoto. Per questa vicenda proprio oggi a Roma si è concluso il processo che vedeva imputate 19 persone tutte assolte per insussistenza dei fatti contestati.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Processo mondiali nuoto, assolti tutti gli imputati perché il fatto non sussiste

prev
Articolo Successivo

Berlusconi, né amnistia né grazia: il Cavaliere “prenota” l’avvocato Coppi

next