Restano delle ombre sulla registrazione fatta dall’ex senatore Idv Giuseppe Caforio, nella quale sarebbe registrato il tentativo di corruzione da parte del parlamentare Sergio De Gregorio (anche lui ex Idv) per far cadere il governo Prodi nel marzo del 2007. Caforio avrebbe consegnato il nastro ad Antonio Di Pietro. Che a sua volta l’avrebbe girato, attraverso un collaboratore, alla Procura di Roma. Che però sembra non saperne nulla. Il leader Idv, Antonio Di Pietro, avvicinato a margine di un convegno a Torino s’innervosisce non appena viene menzionata la cassetta, prima chiede di essere intervistato sul partito, poi mette una mano sulla nostra telecamera e chiede che venga spenta. Secondo il presidente dell’Idv: “La registrazione fu consegnata assieme a una denuncia alla procura di Roma”. “De Gregorio nella sua deposizione dello scorso dicembre dice che sapeva di essere stato registrato e poi denunciato da Caforio e – spiega – che l’inchiesta era stata archiviata, ma come è venuto a saperlo? Non certo da me”. L’ex Pm precisa poi che non può parlare della cassetta e del suo contenuto perché vige ancora il segreto istruttorio  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Caro Grillo, gli zombi divorano i vivi

prev
Articolo Successivo

Vittorio Feltri: “Berlusconi come Craxi? No, ha ancora molte carte da giocare”

next