L’elezione dei presidenti delle due Camere è stato finalmente dopo anni un momento alto della vita politica italiana. Il Pd, sotto la spinta degli eventi politici e della batosta elettorale, ha dovuto fare i conti con se stesso. La stagione perversa del compromesso al ribasso potrebbe essere al capolinea e il centrosinistra, sembra ormai condannato a fare il proprio mestiere. La partita non è vinta.

Occorre proprio adesso una fortissima spinta dal basso, occorre che i vecchi boiardi continuino a sentirsi braccati. La partita può essere vinta definitivamente tra qualche settimana con l’elezione di un Capo dello Stato che non sia Gianni Letta o Massimo D’Alema, che non sia un rudere di una politica che ha fatto il suo tempo. L’Italia merita di meglio, il nostro Paese, la nostra Patria (usiamo a questa parola senza timore perché non appartiene alla destra ma a tutti noi!) ha bisogno di una personalità di altissimo profilo e di grande autorevolezza morale. Per questo vorrei invitare i Fatto Quotidiano a lanciare una raccolta di firme per chieder ai parlamentari, non solo ai partiti, di avere cuore e coraggio e votare come Presidente della Repubblica, il professor Stefano Rodotà. Un partigiano della Costituzione.  

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi ineleggibile, tutti in piazza il 23 marzo

next
Articolo Successivo

Grillo urla. Ma qualcuno lo ha ascoltato?

next