Palloncini colorati, canti e balli, tanti bambini e studenti. In migliaia hanno partecipato al flash mob organizzato questa mattina a Città della Scienza, reazione della cittadinanza napoletana all’incendio che ha devastato lo Science center del polo di ricerca e divulgazione scientifica di Bagnoli. Al grido “basta!”, centinaia di palloncini bianchi sono volati in cielo, lanciati dai giovani che si sono sporcati la faccia con pezzi di carbone. “Tutte le forze sane e democratiche della città sono unite”, ha assicurato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, che ha partecipato anche al corteo “Chi ha pensato di lasciare una ferita profonda nella città – ha aggiunto – ha sbagliato indirizzo. Ricostruiremo Città della Scienza e la ricostruiremo qui a Bagnoli”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Italia in rosso”, a Presadiretta il “Caso Parma”

prev
Articolo Successivo

Città della Scienza brucia. Napoli reagisce con un flash mob

next