Palloncini colorati, canti e balli, tanti bambini e studenti. In migliaia hanno partecipato al flash mob organizzato questa mattina a Città della Scienza, reazione della cittadinanza napoletana all’incendio che ha devastato lo Science center del polo di ricerca e divulgazione scientifica di Bagnoli. Al grido “basta!”, centinaia di palloncini bianchi sono volati in cielo, lanciati dai giovani che si sono sporcati la faccia con pezzi di carbone. “Tutte le forze sane e democratiche della città sono unite”, ha assicurato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, che ha partecipato anche al corteo “Chi ha pensato di lasciare una ferita profonda nella città – ha aggiunto – ha sbagliato indirizzo. Ricostruiremo Città della Scienza e la ricostruiremo qui a Bagnoli”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Italia in rosso”, a Presadiretta il “Caso Parma”

next
Articolo Successivo

Città della Scienza brucia. Napoli reagisce con un flash mob

next