Susanna Camusso apre a un governo Pd-Cinque Stelle “perché c’è bisogno di risposte”, e chiude a governissimi ed esecutivi tecnici. Intervistata da Lucia Annunziata nella trasmissione In Mezz’ora su Rai 3, il segretario della Cgil ha affermato: “Penso che il voto abbia detto che c’è un partito che ha preso il maggior numero di voti e un secondo partito che è M5S e quella è la volontà degli elettori”. Ben venga quindi un tentativo di accordo tra i Democratici e M5s: “Il Paese ha bisogno di risposte positive e di rimettere al centro il lavoro, i lavoratori, i redditi. Vorrei che ci fosse una responsabilità condivisa. C’è un momento in cui assumersi una responsabilità è un fatto positivo”. 

Le parole di Camusso colpiscono, tenuto conto anche dei continui strali di Grillo nei confronti dei sindacati. “La triplice sindacale è responsabile esattamente come i partiti della situazione economica attuale, lo sanno tutti” aveva affermato, tra l’altro, il fondatore di M5s. Stilettate che per il segretario Cgil evidentemente non pesano quanto la necessità di dare un governo ‘politico’ all’Italia, e in fretta. E se Bersani fallisse nella sua mediazione? “Bisognerebbe comunque continuare a moltiplicare le ipotesi per una soluzione che sia la più rispettosa del risultato del voto” sostiene Camusso. Contraria, invece, a un ipotetico governissimo: “Penso che gli italiani abbiano già detto di no”. E decisamente ostile a un nuovo esecutivo tecnico: “Abbiamo già dato”. 

Da Camusso arriva anche un’analisi del voto, non esattamente celebrativa del M5s: “L’affermazione elettorale di Cinque Stelle è il segnale di di una grande divisione e sfiducia del Paese e di una grande frantumazione. Il risultato delle elezioni dimostra che per troppo tempo i partiti non hanno guardato alla condizione dell’economia reale del Paese e alle difficoltà crescenti delle persone”. Quanto ai sindacati, “la lunga stagione di divisioni ha indebolito la rappresentanza nei luoghi di lavoro. Dobbiamo tornarci, in quei luoghi”. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grillo e il disprezzo per gli intellettuali

prev
Articolo Successivo

Grillo, Gaber e il post-elezioni

next