Gazzarra con retroscena finale a “L’ultima parola”, su Rai Due, tra Andrea Scanzi e Laura Ravetto, già resasi protagonista nella stessa giornata di uno scontro con Fabrizio D’Esposito a “L’aria che tira”, su La7. Il tema di discussione verte su Beppe Grillo e sul Movimento 5 Stelle. Il deputato del Pdl difende il proprio partito e si inabissa in un monologo sulla legge elettorale . “Dobbiamo smetterla di parlare di alchimie e smetterla di parlare in politichese” – esordisce – “C’è un problema: il Movimento 5 Stelle ha fatto meno del 30% e si è presa molti seggi per una legge elettorale, che sembra figlia di nessuno ma che abbiamo usato tutti come Prodi. Ora Bersani” – continua – “fa il radicale e si è messo a rincorrere i grillini. Io non mi presto a questo giochino”. L’esponente del Pdl, attaccata duramente da alcuni imprenditori, si confronta poi con Andrea Scanzi, che, dopo una battuta su Monti (“E’ come Milingo quando scoprì il sesso: una volta scoperta la politica, si è infoiato”), osserva: “Molti hanno votato il Movimento 5 Stelle perchè hanno creduto, ancora credono, e dopo aver sentito la Ravetto sono ancora più convinti, che è molto meglio un salto nel buio che un suicidio assistito“. Rabbiosa la reazione dell’ex sottosegretario che interrompe il giornalista del Fatto Quotidiano. “Sono stata personalmente offesa”, tuona, ma Scanzi le fa notare che gli è stata tolta la parola. “Sei partita con una pippa di cinque minuti in politichese, dicendo che sei contro il politichese” – replica il giornalista, supportato dagli applausi del pubblico – “ma cosa me ne frega della legge elettorale adesso, Ravetto? Abbiamo gente che non ha neppure la via per camminare e tu dici che la legge elettorale è sbagliata? Cambiala”. A fine trasmissione, come scrive Scanzi nella sua pagina facebook ufficiale, Laura Ravetto, all’uscita degli studi, ha rifiutato un gesto pacificatore del giornalista, polemizzando per vari minuti e aggiungendo: “Sei maleducato, un cafone, non ti saluto, io sono educata e tu no, vergognati”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Non abbiamo fermato il declino

prev
Articolo Successivo

La guerra dei Roses del Pd

next