Ci è rimasto malissimo, Maurizio Crozza. Non se lo aspettava, non ci è abituato. Non li aveva previsti questi sguaiati tentativi di attirare l’attenzione sulla campagna elettorale. Eppure bisognava aspettarseli, perché la campagna elettorale è una guerra misera e questa è la solita storia del Festival, che si ripete tutti gli anni. Le urla “basta con la politica” si sono sovrapposte ai fischi degli spettatori che volevano cacciare i “contestatori”. Tanto che deve intervenire la polizia, i due (ma davvero sembravano di più) vengono accompagnati nel foyer: sono gli stessi che contestarono Adriano Celentano, l’anno scorso.

Fabio Fazio si è arrabbiato e ha fatto bene a intervenire perché la sensazione è stata che Crozza non sapesse davvero che cosa fare. Fermarsi o proseguire? Per qualche secondo è sembrato indeciso. In sala stampa cominciano ad arrivare uffici stampa, funzionari e capistruttura Rai. Vogliono chiarire che era una claque, una sceneggiata organizzata. E ne aveva tutta l’aria. Chissà se ha fatto il gioco dei leader, che in questi giorni elemosinano presenze ovunque. Perché il punto è questo: le imitazioni di Crozza (strepitosa l’esibizione nei panni di Ingroia) hanno dato una mano a qualcuno? Il caso comunque, nonostante i musi lunghi dell’organizzazione è perfetto per lanciare quest’edizione low cost del Festival. Domani il banco di prova saranno gli ascolti, l’unico vero giudice del Festival e lo strascico delle inevitabili polemiche.

Intanto sul mega schermo della sala stampa scorrono i cartelli dei due ragazzi gay che andranno a sposarsi a New York, “perché si amano” e le leggi di questo Paese non lo permettono. Ma la concitazione della sala quasi impedisce di vederli: Crozza è partito per Genova, ci dicono. Intanto i suoi collaboratori passano tra i banchi: “No, non era tanto incazzato. L’interruzione l’ha un po’ spiazzato, lui è uno che prova le cose al millimetro”. Venerdì torna con il suo programma, ma su La7. E da lì magari qualche sassolino dalla scarpa se lo toglierà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2013, Crozza contestato dal pubblico dopo la parodia di Berlusconi

prev
Articolo Successivo

La protesta contro i tagli: il Corsera pubblicherà inchieste sul suo dissesto

next