Le immagini mostrano il trattamento riservato alle schede elettorali dei nostri concittadini residenti a Buenos Aires durante le politiche del 2008. Da passaggi di mano sospetti allo scantinato di una sede consolare italiana dove, in violazione di tutte le regole, si vedono centinaia di cartelle aperte, molte delle quali con il simbolo del Pdl barrato e con scritto “Esteban Caselli”, il ‘senador’ che Silvio Berlusconi ha definito “pericolosissimo”. Luciano Neri, responsabile della Consulta Italiani nel Mondo del Partito democratico, denuncia: “Il voto per corrispondenza favorisce l’elezione di impresentabili e l’infiltrazione del crimine organizzato. La Legge Tremaglia va cambiata”. Ma all’estero le elezioni sono già cominciate. Con le stesse regole  di Lorenzo Galeazzi, riprese di Paolo Dimalio

 

Pubblichiamo di seguito la rettifica del senatore Esteban Caselli

 

“Il video mostrato da Luciano Neri è un falso utilizzato strumentalmente per infangare il successo elettorale del Sen. Caselli alle passate elezioni e per avvalorare denunce aventi scopi meramente politici. La magistratura ha accertato che il video è chiaramente una montatura e non riprende affatto schede confluite nel computo elettorale, né, tantomeno contiene immagini girate nel Consolato di Buenos Aires. A tale riguardo, Caselli e il Dott. Curcio (console italiano a Buenos Aires, ndr) hanno denunciato gli autori del video artefatto. L’autorità argentina ha individuato e messo sotto processo i responsabili, ascrivendo loro i delitti di calunnia e diffamazione. Il console Caselli, così come anche il console italiano a Buenos Aires non sono mai stati iscritti nel registro degli indagati per presunte ipotesi delittuose legate a questa vicenda, né per qualsiasi altra ipotesi di reato. Il dott. Luciano Neri non è nuovo a iniziative diffamatorie ai danni del Sen. Caselli e risulta attualmente indagato per diffamazione a mezzo stampa”.

 

Il pezzo in questione non è stato utilizzato per infangare la reputazione di nessuno, ma più semplicemente per sottolineare i tanti rischi che accompagnano le modalità del voto per corrispondenza da parte dei connazionali residenti all’estero. Il filmato in questione, giudicato falso dal parlamentare italo-argentino, è in Rete dal 2009 e non è stato mai rimosso. Ci è stato segnalato dal Dott. Luciano Neri che la nostra redazione considera fonte qualificata e attendibile (lg)

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lombardo: “Alleanza con Berlusconi? Compromesso per non morire”

prev
Articolo Successivo

“Mario, stringi”. Elsa Monti e le risposte “troppo lunghe” del marito

next