Copre circa 29mila mq l’area recintata del cantiere dell’alta velocità in Val Susa, per la quale non sarebbe mai stata chiesta l‘autorizzazione alle autorità competenti. Ltf, la ditta franco-italiana che sta realizzando l’opera, dovrà rispondere a un’ingiunzione di demolizione di diverse centinaia di metri di barriere costruite senza il beneplacito del Comune di Chiomonte. I NoTav considerano una vittoria la rimozione delle reti che vietavano l’accesso all’area della Maddalena, teatro, durante lo sgombero del 27 giugno 2011, di violenti scontri tra attivisti e forze dell’ordine. Secondo i NoTav, in meno di due anni lo Stato ha speso circa 9 milioni di euro per costruire e mantenere di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, i cittadini dell’Eur: “Il quartiere gioiello è ora pieno di cattedrali nel deserto”

next
Articolo Successivo

Tangenti case vacanze, tre arresti per corruzione e turbativa d’asta a Milano

next