Un’altro attentato in Nigeria, dove due autobombe sono esplose dentro ad una chiesa protestante di un distretto militare del nord della Nigeria provocando almeno 11 morti e 30 di feriti. L’attentato ha preso di mira la chiesa nel comando di Jaji, nello stato di Kaduna. ”Una Kia è stata guidata fin dentro la chiesa ed è esplosa”, ha affermato la fonte militare che ha assistito all’attentato e che ha chiesto l’anonimato. “Poi è stata la volta di una Toyota Camry color cenere che è penetrata nella chiesa mentre arrivava gente a portare aiuto dopo la prima bomba. La maggior parte delle vittime – ha aggiunto la fonte – sono morte nella seconda esplosione”.

Si tratta dell’ennesima domenica di sangue per le comunità cristiane del paese africano. A fine ottobre otto persone sono morte145 sono rimaste ferite nell’attentato contro una chiesa sempre a Kaduna, nel nord della Nigeria, e delle successive rappresaglie dei cristiani. Nella stessa città, appena due settimane prima, fuori dalla moschea erano state uccise 20 persone.  L’attacco era stato sferrato da un attentatore suicida poi fermato da agenti di sicurezza mentre con il suo Suv imbottito d’esplosivo ai avvicinava alla chiesa cattolica di Santa Rita

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Regno Unito, stop al disegno di legge su ‘tribunali segreti’ e ‘corti a porte chiuse’

prev
Articolo Successivo

Catalogna: Artur Mas ancora presidente, ma senza maggioranza assoluta

next