Un’altro attentato in Nigeria, dove due autobombe sono esplose dentro ad una chiesa protestante di un distretto militare del nord della Nigeria provocando almeno 11 morti e 30 di feriti. L’attentato ha preso di mira la chiesa nel comando di Jaji, nello stato di Kaduna. ”Una Kia è stata guidata fin dentro la chiesa ed è esplosa”, ha affermato la fonte militare che ha assistito all’attentato e che ha chiesto l’anonimato. “Poi è stata la volta di una Toyota Camry color cenere che è penetrata nella chiesa mentre arrivava gente a portare aiuto dopo la prima bomba. La maggior parte delle vittime – ha aggiunto la fonte – sono morte nella seconda esplosione”.

Si tratta dell’ennesima domenica di sangue per le comunità cristiane del paese africano. A fine ottobre otto persone sono morte145 sono rimaste ferite nell’attentato contro una chiesa sempre a Kaduna, nel nord della Nigeria, e delle successive rappresaglie dei cristiani. Nella stessa città, appena due settimane prima, fuori dalla moschea erano state uccise 20 persone.  L’attacco era stato sferrato da un attentatore suicida poi fermato da agenti di sicurezza mentre con il suo Suv imbottito d’esplosivo ai avvicinava alla chiesa cattolica di Santa Rita

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regno Unito, stop al disegno di legge su ‘tribunali segreti’ e ‘corti a porte chiuse’

next
Articolo Successivo

Catalogna: Artur Mas ancora presidente, ma senza maggioranza assoluta

next