Si è parlato molto del metodo adottato da Beppe Grillo per le candidature in Parlamento: cioè blindarle a monte, designando come candidabili alle primarie solo gli attivisti già candidati in precedenza. Persone di provata fede insomma, attivisti “da prima di Parma”, sul campo ai tempi del 2%.
Definita da più parti un diktat poco democratico e non in sintonia con i principi di democrazia dal basso, la decisione di Grillo si sta invece rivelando piuttosto saggia alla luce dei fatti.

Basti guardare quel che sta succedendo a Roma. Il movimento romano si è dato le proprie regole per la scelta dei candidati locali, e il risultato è stato un regolamento talmente ferreo sia a monte che a valle (regole stringentissime per candidati e votanti) da determinare un’assoluta carenza di democrazia e di scelta. Nei municipi, a cui sono state demandate le nomine per tutte le competizioni elettorali locali, si è finiti col votarsi a vicenda in 7 o 8 persone. Non solo: il sistema rigido ai limiti della paranoia non è neppure riuscito a tenere alla larga i bandwagoner dell’ultim’ora. Alcuni di essi infatti, grazie alla loro furbizia politica, hanno bypassato le maglie del regolamento per ritrovarsi finalmente candidati alle primarie interne: portaborse, ex leghisti, aspiranti politicanti e parenti di, gente che a Roma non manca di certo. Complici anche l’ingenuità e la buona fede di tanti aderenti, nonché la mancanza di altre opzioni sui nomi. Attivisti “storici” e assai meritevoli invece, privi di qualcuno dei mille cavilli necessari alla nomina, si sono ritrovati fuori.

I romani stanno imparando, insomma, che un regolamento sia democratico che sicuro è possibile solo “liberando” la scelta dei candidati e blindando i votanti oppure l’opzione contraria, quella di Grillo. Restringere allo spasimo la rosa di entrambi è un sicuro fallimento, che non tutela né la democrazia né la sicurezza interna. Un peccato di ingenuità, sicuramente, e per fortuna di quelli a cui si può porre rimedio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge stabilità, i regali dei parlamentari: “sconto” all’Inps e 10 milioni per il Belice

next
Articolo Successivo

Risiko Primarie, forum con Tabacci: “Sto con Bersani, basta con i pifferai”

next