“Dell’Utri ha detto che la mafia non esiste? Lo diceva anche Falcone“. Sono le parole pronunciate da Carlo Giovanardi durante il talk show politico “Punto e a capo”, su Class Tv Msnbc, a proposito di una dichiarazione che Marcello Dell’Utri rilasciò a Piero Chiambretti nel 1997. L’ex sottosegretario del Pdl in un primo momento nega con sicurezza che Dell’Utri abbia mai detto quella frase. Ma il conduttore della trasmissone, Marco Gaiazzi, smentisce il senatore proponendo in trasmissione, tramite un iphone, l’audio dell’intervista. Giovanardi, sconfessato platealmente, improvvisa allora un “mirror climbing”, replicando con argomentazioni imbarazzanti. “Ragionando così dovreste criminalizzare anche Falcone” – replica il politico – “basta leggere i suoi libri. Falcone parlava di famiglie mafiose, perchè non c’è la mafia. Ci sono le famiglie mafiose. Non c’è la camorra, ma ci sono i vari gruppi camorristi che operano sul territorio, come la ‘ndrangheta”. E conclude: “Dell’Utri non è così cretino da dire ‘non esiste la mafia’, ma faceva un discorso più complesso che faceva anche Falcone” di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il panificio di Mentana

prev
Articolo Successivo

News of the World, ex direttrice Rebekah Brooks sarà incriminata

next