In fondo al mare, a largo di Monterosso (Cinque Terre) le reti a strascico raccolgono motori fuoribordo, insegne dei ristoranti, plastica e legnami. I pesci devono aver pensato che non è aria per quanto riguarda il golfo spezzino, e già da qualche mese se ne sono andati. Chi è pendolare sulla tratta Genova – La Spezia, o studia negli atenei lombardi e toscani, rientrando a casa deve indossare stivaloni di gomma dalla stazione ferroviaria fino alla propria abitazione.

Nessuna grande inchiesta dietro a questi fatti: qualunque abitante dei comuni di Vernazza e Monterosso potrebbe raccontarveli, e confermare i disagi (mai rientrati) che le popolazioni dello Spezzino e della Lunigiana affrontano quotidianamente dallo scorso 25 ottobre.

La grande alluvione, certo. Quella che ha fatto scalpore nei Tg nazionali e nelle maggiori testate del bel paese per una decina di giorni autunnali; la stessa alluvione che, terminate le ore del grande cordoglio, della compassione venduta a mezzo stampa e delle cornici melense (“i giovani liguri si rimboccano le maniche”) ha smesso di essere notizia succulenta. E dei fatti di quel pezzo d’Italia patrimonio dell’Unesco, delle conseguenze riversatesi gravemente sull’ecosistema, nessuna traccia a livello mediatico. È stata un’amica di Monterosso a raccontarmelo, esprimendomi il disagio reale di coloro che vivono laggiù.

Le notizie di stampo ambientale non hanno spazio e non hanno mercato: è questo l’appello dei Giornalisti Ambientali al quale mi sento di aderire con l’auspicio che questa voce si faccia sempre più più grossa, sempre più udibile.

L’opinione pubblica stessa non è preparata a ricevere questo tipo di informazioni (sono tentata di proporre un micro questionario ai miei dirimpettai: quanti sapranno elencarmi almeno in linea di massima le decisioni prese a Kyoto nel ’97?).

Eppure tanto si è fatto a livello d’informazione libera e autorevole negli ultimi anni per sdoganare alcuni di quei temi che fanno arrossire, che creano la pericolosa deriva del tabù culturale; si pensi all’accelerata nei confronti delle tematiche femminili, dello spazio che il linguaggio quotidiano delle donne “qualunque” (quanto è bello questo accostamento!) ha trovato e della denuncia, grave ma fondamentale, della violenza domestica. Parliamone, quindi. Scriviamo e raccontiamo. Una chiacchierata con un’amica può esser un buon inizio.

Leggi anche: Monterosso rinasce grazie ai suoi abitanti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sottratto un milione di euro nel caveau di Cal: tre arresti al San Raffaele

next
Articolo Successivo

Varese, frode fiscale per 23 milioni di euro. Tredici aziende coinvolte

next