Un cargo sta cercando di atterrare in fase di emergenza all’aeroporto di Napoli-Capodichino. Il cargo ha problemi ai carrelli che non si aprono. I vigili del fuoco stanno presidiando l’intero aeroporto per intervenire in caso di necessità. Dopo attimi di apprensione, però, l’allarme è rientrato: i carrelli si sono aperti e l’aereo è atterrato normalmente.

I vigili del fuoco del comando provinciale di Napoli avevano applicato il protocollo di emergenza facendo intervenire non solo il distaccamento interno a Capodichino ma anche altri mezzi di emergenza. Evacuata l’intera pista per consentire al cargo militare Usa di poter atterrare. Secondo quanto si è appreso il pilota avrebbe svuotato mentre si trovava in volo i serbatoi del carburante ed era pronto ad atterrare in caso di estrema necessità ‘di pancia’. Ma tutto ciò non è stato necessario perchè il carrello si è aperto e l’atterraggio è stato regolare.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vodafone riassume e non reintegra: operatori rischiano di perdere l’indennità

next
Articolo Successivo

Evasione, scovati 571 furbetti da inizio anno dalla Guardia di Finanza nel nordovest

next