Un serpente giocoso e colorato, come ogni anno, ha invaso le strade di Roma. Il gay pride 2012 è stata la festa dell’orgoglio GLBT in un periodo in cui le aggressioni di stampo omofobo occupano quotidianamente le pagine dei giornali e la politica continua a rimanere immobile rispetto alle richieste di allargare i diritti. “Dobbiamo tifare per l’Italia non solo agli europei di calcio” ha detto Vladimir Luxuria da uno dei carri colorati che ha sfilato per il centro della Capitale, “ma anche negli europei dei diritti civili. Siamo talmente indietro che non abbiamo nemmeno una legge sull’omofobia, oltre che sul riconoscimento delle coppie conviventi omosessuali. Il nostro obiettivo è far rientrare l’Italia in Europa” di Tommaso Rodano

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vendola avvisa: “Sui diritti per gli omosessuali nessun compromesso”

prev
Articolo Successivo

Voci dal Gay Village: “Le carnevalate non fanno bene alla comunità Lgbt”

next