Ricordate quando, nel Ventennio berlusconiano, i comici erano considerati gli unici oppositori credibili? Bene, oggi i comici-comici si sono liquefatti, salvo Corrado Guzzanti e Maurizio Crozza, ma il vuoto che hanno lasciato è stato subito riempito dai politici-comici: i quali ormai pensano a tutto loro, al governo e all’opposizione, alla politica e alla satira. Pensate solo ai tre attuali protagonisti della vita pubblica, e dite un po’ se quel che li distingue sono ancora le proposte politiche, divenute irrilevanti e intercambiabili in un mondo governato da fantasmi quali l’Europa e i Mercati, o non, piuttosto, tre forme diverse di comicità.

Il primo del terzetto è sempre lui, Silvio primo e ultimo, la cui disfatta comica è, se possibile, ancor più travolgente dei suoi successi trascorsi. È stato unico nel suo genere: un mix irripetibile di barzellettiere da Bagaglino e di comicità più che involontaria, direi proprio preterintenzionale. Fosse per lui, sarebbe ancora sulla breccia: il fatto è che non lo lasciano più aprir bocca. Le sue barzellette sono quelle di sempre, ma con la bella differenza, rispetto al passato, che oggi fanno allegare i denti anche ai suoi sostenitori. Di questo passo saranno i suoi tirapiedi a imbavagliarlo definitivamente, in qualche sottoscala di Arcore.

Il secondo del trio, naturalmente, è Beppe Grillo: l’unico dei grillini a potersi ancora dire tale, anche perchè proprietario del marchio, mentre tutti gli altri, dopo Parma, sono stati sdoganati, e si ritiene offensivo persino chiamarli così. Lui è stato un grande comico, popolare e sanguigno, per certi versi lo è ancora, visto che dice le stesse cose di prima, quando il suo paroliere era Antonio Ricci e il suo sponsor Pippo Baudo, solo che adesso le si considera proposte politiche, e non è nemmeno colpa sua. Un altro paroliere non da poco, un certo Bertolt Brecht, commenterebbe così questo singolare fenomeno: disgraziato quel popolo che ha bisogno di comici.

Il terzo e forse il migliore di tutti, sul piano della comicità pura, è il nostro attuale Presidente del consiglio, Mario Monti: leggetevi la sua intervista a Repubblica di domenica scorsa, inarrivabile. Espressione impassibile alla Buster Keaton, understatement all’inglese, un enorme talento per la situation comedy – che, se non si trattasse dell’Italia, dovrebbe chiamarsi situation tragedy – e soprattutto una enorme versatilità nei duetti. Ammettiamolo, certi siparietti con la Merkel sono degni di Stanlio e Ollio; non parliamo poi dei duetti con la Fornero: il marchese de Sade e il barone von Masoch, se si fossero mai incontrati, non avrebbero potuto far meglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Riforme, taglio dei deputati rinviato. “Partiamo dal Senato federale”

prev
Articolo Successivo

Arresto Lusi, Pdl spaccato sul voto segreto. Le manovre dei “salvati”

next