Negli scorsi mesi abbiamo scritto un libro in cui cerchiamo di fare capire come il problema della radioattività dovuta alla produzione di energia e agli armamenti militari sia legata all’ossessione della nostra società per la crescita economica illimitata.

Si intitola “Scorie radioattive”, Aliberti editore, e l’intenzione non è quella di creare inutili allarmismi, ma di tracciare un breve percorso che ci faccia riflettere, anche e soprattutto attraverso le testimonianze e le esperienze di esperti di fama internazionale (Luigi Sertorio, Massimo ZucchettiGiulietto Chiesa ed altri), su quanto sta accadendo attorno a noi. Per potere poi agire di conseguenza, liberandoci al più presto di situazioni francamente inaccettabili.

La politica e l’informazione spesso ci distraggono dalle vere situazioni di allarme, generando paure assai meno fondate. Dovremmo essere terrorizzati, ad esempio, all’idea di prendere un aereo o una metropolitana a causa del terrorismo, ma non al pensiero di avere depositi di rifiuti radioattivi in zone a rischio alluvione sismico, o addirittura a cielo aperto nella quasi assenza di controlli.

Allo stesso modo dovremmo stare tranquilli all’idea che il nostro Paese, denuclearizzato sia a livello civile che militare, ospiti armamenti stranieri che, potenzialmente, sono centinaia di volte più distruttivi delle bombe atomiche di Hiroshima e Nagasaki.

In questi giorni di tensione e di lutto, però, viene ancora una volta da chiedersi se il gioco vale la candela. E ieri, grazie a Claudio Messora, abbiamo potuto farlo una volta di più.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catania, grattacieli e campo da golf nell’Oasi del Simeto. Cicogne a rischio

next
Articolo Successivo

Il lato (dis)umano degli ogm, parte seconda

next