“Ammonta a 100 miliardi la spesa pubblica potenzialmente aggredibile nel breve periodo”. A riferirlo ai microfoni di Radio Vaticana è il ministro per i Rapporti con il Parlamento Piero Giarda. L’economista ha poi aggiunto che è possibile agire su altri 300 miliardi nel lungo periodo. Il governo, sottolinea Giarda, “si sta dedicando un po’ all’uno e un po’ all’altro”.

Giarda ha spiegato che il paese “non si è ancora adattato alle nuove condizioni economiche”. Per il ministro “l’azione che mira a risparmi e tagli agli sprechi riguarda l’intero settore pubblico, dallo Stato al più piccolo dei comuni”. Il ministro ha sottolineato che “non ci sono posti o sezioni in cui ci siano sprechi maggiori”.

La revisione della spesa, spiega Giarda, “è un’operazione con cui si cerca di portare alla luce sprechi e inefficienze con l’obiettivo di far pagare qualche tassa in meno e emettere meno titoli del debito pubblico”. Per il ministro “si tratta di spendere meglio i soldi che abbiamo a disposizione, cercare di spenderne meno laddove non è proprio necessario”. Giarda ha poi proposto una metafora: “Bisogna immaginare di essere una famiglia in cui è nato nuovo bambino e quindi il papà e la mamma devono fare i conti di quanto spendevano prima e devono riguardare a tutti i vizi accumulati nel passato nella spesa. Bisogna cercare di mettere ordine, adattare la spesa alle nuove condizioni in cui si trova la famiglia. Il padre e la madre – conclude – devono cominciare a rinunciare a qualcuno dei loro vizietti per tenere in vita il bimbo”.

Il ministro è cosciente che non sarà un percorso privo di ostacoli: “Naturalmente le resistenze cominceranno ad essere percepite quando i provvedimenti da progetto si tradurranno in iniziative legislative”. Giarda ha poi parlato della riduzione dei costi della politica: “Alcune cose si sono fatte a altre si stanno facendo. Con il decreto Salva Italia sono state messe le mani sulle province. Nell’ultima fase il governo Berlusconi aveva adottato provvedimenti sugli enti locali. Ora la Camera è impegnata con la riforma del finanziamento ai partiti”. Camera e Senato aggiunge sono intervenuti “per la riduzione complessiva delle macchine e anche sui vitalizi”. 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il 31% degli italiani simpatizza per il 5 stelle. Ma per il 63% non saprebbe governare”

next
Articolo Successivo

Il Movimento 5 stelle torna davanti a Montecitorio

next