Dopo il Senato anche la Camera ha approvato la legge sul nuovo codice forestale che prevede un allentamento dei controlli sulla deforestazione. Si tratta di un provvedimento controverso che concede l’amnistia a chi ha abbattuto illegalmente le foreste e autorizza la costruzione di fattorie nelle zone dissodate in maniera illecita prima del luglio 2008. Gli ambientalisti definiscono “catastrofica” questa legge che metterebbe ulteriormente a rischio la foresta Amazzonica, il più grande polmone verde del pianeta e l’habitat delle popolazione indigene. Sulla promulgazione, però, potrebbe porre il veto la presidente Dilma Roussef alla quale ambientalisti e agricoltori si erano già rivolti, nel marzo scorso, chiedendo di bloccare il provvedimento. All’inizio l’obiettivo della legge era impedire la deforestazione illegale e favorire la sopravvivenza dell’Amazzonia. Ma a conti fatti, se la legge entrasse effettivamente in vigore, ad avere la meglio sarebbero proprio i latifondisti e i fautori di un allentamento dei controlli sullo sfruttamento forestale. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La verità su Enel in 50 secondi

next
Articolo Successivo

Enel in Patagonia: la rapina dell’acqua

next