Un milione e 426 mila spettatori, 5, 62 percento di share: un buon risultato per Draquila, andato in onda lunedì in prima serata su La 7. “Cinema viscerale”, lo definì Le Monde, che assurge a “dossier corposo che fa drizzare i capelli”. Due anni dopo la sua anteprima (5 maggio 2010), la pellicola di Sabina Guzzanti suscita un altro effetto: lo sbigottimento.

La scossa che distrusse L’Aquila avvenne alle 3. 32 del mattino del 6 aprile 2009; il G 8, l’ 8 / 10 luglio 2009; l’avviso di garanzia a Bertolaso, il 10 febbraio 2010. Le dimissioni di Silvio Berlusconi, il 12 novembre 2011: cinque mesi fa, eppure sembrano passati secoli. Guardando Draquila, veniva da (ri) chiedersi: sotto quali sostanze psicotrope eravamo? Chi ci ha ridotto così? Pareva di rivedere i vecchi filmati dell’Istituto Luce, con la mascella di Mussolini non meno caricaturale della gestualità. Come si po-tè dar credito a quel dittatore ridicolo?

Forse il merito maggiore del Governo Monti, o piuttosto uno degli effetti della crisi, è avere trasformato – per contrasto – il repertorio berlusconiano in documentari stanchi su fossili orribili. I dinosauri Santanchè sono pronti a risorgere come fenici fameliche, ma la percezione che si ha di loro è nitida: Commodore 64 difettati nell’era dell’iPad. Alcune sequenze mettevano imbarazzo. Berlusconi che chiede ai bambini se è il Premier migliore del mondo, loro che rispondono “Sìììììì” e lui che promette di far votare anche i minorenni (meglio se ragazze). Ancora Berlusconi che chiede chi è che gli sta toccando “il culo” (nessuno: era il subconscio erotomane). Sempre Berlusconi che, avvicinandosi a un cantiere, chiede: “Ma le donne dove sono? Tutti gay? La prossima volta che vengo a trovarvi le porto io le veline, eheh” (e gli operai ridono). Davvero gli italiani hanno idolatrato un simile avanzo del Drive In?

E poi Bertolaso acclamato da grandi e piccini, quando il Premier spergiura che lo farà “ministro” (come ogni buona promessa berlusconiana, non è avvenuto). E le interviste ficcanti di Bruno Vespa, e gli editoriali tragicomici di Minzolini. Nani e ballerine che danzano sulle macerie. Teatro degli orrori. Ritorno al passato, più che al futuro, a bordo di una De Lorean sadica. Grazie a Draquila si è riascoltato il dialogo tra gli imprenditori Piscicelli e Gagliardi (“Io ridevo stamattina alle tre e mezzo dentro al letto”, “Io pure, va buo’, ciao”). Si è ricordato quando il ministro Bondi – sì, è stato ministro – disse che per protesta non sarebbe andato a Cannes (e nessuno lo aveva invitato). Si è riscoperto come quel disastro – 308 vittime, oltre 1600 feriti, 65 mila sfollati e più di 10 miliardi di euro di danni – servì da propaganda. Draquila, oggi, è uno specchio che sembra riflettere estranei. Che però estranei non sono.

Il Fatto Quotidiano, 11 Aprile 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bergamo, orgoglio leghista a metà: per la prima volta la base è fredda con Bossi

next
Articolo Successivo

Corruzione, il Consiglio d’Europa boccia il finanziamento pubblico ai partiti in Italia

next