Giardinieri al lavoro nel parco di Villa Certosa, residenza estiva di Silvio Berlusconi, ma i lavori non potranno esser conclusi entro il ponte Pasquale. Ieri gli uomini della Forestale dell’Ispettorato di Tempio Pausania hanno bloccato i lavori per mancanza di due autorizzazioni, una per il movimento terra che avrebbe consentito lo sbancamento in atto, l’altro della tutela del Paesaggio visto che l’area interessata all’intervento è sottoposta a rispetto idrogeologico. Come riportato oggi dal quotidiano La Nuova Sardegna, lo sbancamento sulla collina di Punta Lada, a Porto Rotondo, con il decespugliamento della macchia mediterranea non è passato inosservato e così i forestali di Tempio si sono presentati a Villa Certosa e hanno effettuato un lungo sopralluogo nella parte alta della proprietà dell’ex premier.

Le ruspe e alcuni giardinieri nei giorni scorsi hanno dissodato e preparato quei terreni incolti per l’impianto di un nuovo frutteto. L’area individuata dai tecnici rientra tra quelle sottoposte a vincolo paesaggistico e ambientale, richiesta di disboscamento per circa duemila metri quadrati predisposta e spedita dalla Idra Immobiliare. Tutto in regola, tranne il nulla osta per dare il via libera ai lavori. Una autorizzazione che, allo stato attuale, mancherebbe perchè l’iter burocratico non è ancora stato completato. Da qui la segnalazione al Corpo di Vigilanza ambientale che dopo l’ispezione di ieri ha stilato un verbale finito sul tavolo dei dirigenti degli uffici regionali.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Filippine, nave da crociera alla deriva. Quattro feriti lievi, uno più grave

next
Articolo Successivo

Cancellieri: “Il permesso di seppellire De Pedis in S. Apollinare? Arrivò dalla Cei”

next