Scontri a Roma nel corteo degli Indignati

Lo scorso 15 ottobre, durante il corteo degli Indignati a Roma, alcuni manifestanti misero a ferro e fuoco la città. E oggi è stata inflitta un’altra pesante condanna per gli per gli scontri con le forze dell’ordine. Sono stati inflitti quattro anni di reclusione a Valerio Pascali, 22 anni, di Brindisi per resistenza aggravata a pubblico ufficiale.

La sentenza, che accoglie le richieste del pm Roberto Felici, è stata pronunciata con rito abbreviato dal gup Annamaria Fattori. E’ lo stesso giudice che alcuni giorni fa per i medesimi fatti ha condannato a 5 anni Giuseppe Ciurleo e a 4 anni Lorenzo Giuliani. Quella di oggi è la sesta condanna che i giudici hanno inflitto ai singoli componenti di un gruppo di manifestanti arrestati il giorno degli incidenti nei pressi di San Giovanni. Pascali, che è stato difeso dagli avvocati Marcello Petrelli e Filippo Morlacchini, è ai domiciliari. Mentre era in corso il processo fuori del tribunale alcuni giovani manifestavano.

Il 17 novembre era arrivata la prima condanna ai manifestanti arrestati durante il corteo degli Indignati, quando i giudici della decima sezione penale del tribunale avevano inflitto 3 anni e 4 mesi di reclusione, al termine del giudizio con rito abbreviato, a Giovanni Caputi, 22enne originario di Terlizzi (Bari), accusato del reato di resistenza pluriaggravata a pubblico ufficiale. La procura aveva chiesto una condanna a 4 anni. Caputi, da tempo trasferitosi in Spagna, era l’unico di tutti gli arrestati di quel giorno a essere rimasto in carcere, dopo la scarcerazione di Leonardo Vecchiolla, accusato di tentato omicidio per aver partecipato all’assalto del blindato dei carabinieri andato in fiamme (leggi).

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’autocertificazione
di innocenza

next
Articolo Successivo

Formigoni, consegnati

next