Caro Lupacchiotto,

la pecorella te le ha cantate. Con un silenzio che fa ombra alle tue inutili e arroganti parole. Una pecorella ritrovata senza nome e cognome ma che non ha belato come avresti voluto tu, probabilmente. Mentre tu hai ululato alla luna, a una luna che non ascolta. I tuoi lamenti, le tue litanie, le tue lagne.

La pecorella ha ancora pelo e tu hai ancora vizio. Il vizio si fa sfizio e desiderio di offesa e di umiliazione. Ma non è questa la natura del lupo e, per ciò, sei e rimani un lupacchiotto. Non riesco ad immaginare la fragile pecorella che trema al tuo cospetto. Mi è più facile pensare al tuo mandare urla lamentose al parapetto su cui ti appoggiavi. E anche il parapetto, insieme alla pecorella, ha ritenuto non doverti rispondere.

Caro lupacchiotto, cambia mestiere e natura. Conviene a te e a noi. A noi perché l’importanza di una lotta non può svilirsi nell’imbecillità arrogante di un singolo. A te perché in questa tracotanza, evidentemente, magnifichi i tuoi presunti meriti. Che non si sa quali siano e che non sapremo mai se esistono.

Quindi prova ad esercitarti nei prossimi giorni con il parapetto. E poi, quando l’ululato si farà più compiuto e meno villano potrai sempre riprovarci. Forse non la pecorella ma chi ti ascolta ti avrà in maggior considerazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, inchiesta sui vigili urbani. “Una cupola mafiosa per il racket delle licenze”

next
Articolo Successivo

Piscicelli, l’imprenditore che “rideva” del terremoto all’Aquila, picchiato a Roma

next