Lame spazzaneve accatastate dietro un centro anziani a Roma, quartiere San Saba. Servirebbero a ripulire le strade dalla neve. Basta agganciarle a un furgone dell’Ama (l’azienda che si occupa della spazzatura nella Capitale) e il gioco è fatto, in teoria. Invece no. Nei giorni del gelo, col traffico in tilt e le strade ghiacciate, le lame sono rimaste dietro una recinzione, sepolte sotto una coltre di neve. Nessuno le ha toccate. Né il sindaco Gianni Alemanno, che ieri sera straparlava di “strategia nordista per mettere in discussione Roma”, né l’Ama. L’azienda dei rifiuti sostiene in un comunicato che le lame a San Saba sono solo 14.

Ma le immagini riprese da ilfattoquotidiano. it e le foto pubblicate ieri sulle pagine romane del Corriere della Sera non mentono: gli spazzaneve sono molti di più. Secondo l’Ama, si tratta di mezzi fuori uso: “Avrebbero dovute essere montate esclusivamente su spazzatrici Sicas (acquistate anch’esse nel 1995), di cui 11 già dismesse dall’azienda perché obsolete e tre destinate solo allo spazzamento dei piazzali degli impianti aziendali perché non in condizione di erogare il servizio su strada in sicurezza”. Ma se parli con i tecnici dell’Ama, ti spiegano due cose.

La prima: quelle lame si possono facilmente adattare su spazzatrici diverse dalla Sicas. La seconda: anche se non in perfette condizioni, avrebbero comunque aiutato ripulire a le strade dalla neve e dal ghiaccio. In realtà, la toppa dell’Ama è peggio del buco. Perché se è vero che le lame non funzionano, allora si è sprecato denaro pubblico. Pale spezza-ghiaccio lasciate ad arrugginire per anni. Almeno da quando, nel 2005, la giunta capitolina guidata da Veltroni tolse all’Ama qualsiasi ruolo nella gestione dell’emergenza neve. “Le lame sono qui da almeno 10 anni”, raccontano al centro anziani di San Saba. Qui lo scaricabarile di Alemanno non è gradito. “Non c’è stata la volontà di usarle – dice una signora indicando il ‘ cimitero ’ dietro la recinzione –. Alemanno dice di aver fatto scorta di sale, ma forse l’ha messo nell’orata”.

Da Il Fatto Quotidiano dell’8 febbraio 2012, aggiornato da redazione web alle 8,20

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inchiesta Penati: Procura Monza chiede sequestro di 15 milioni a società gruppo Gavio

next
Articolo Successivo

Maltempo, i costi per famiglie e agricoltura
I Comuni pagano i soldati per spalare

next