Ci sono tre uomini della Guardia di Finanza e il direttore del lussuoso Hotel Brun di Milano tra le persone arrestate in una nuova operazione contro il clan di ndrangheta Valle-Lampada, insediato da decenni in Lombardia, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia guidata da Ilda Boccassini. A Reggio Calabria è finito in carcere anche Domenico Gattuso, ritenuto dagli inquirenti uno dei soci chiave del clan, per conto del quale avrebbe aperto numerose società e avrebbe gestito contatti istituzionali. Gattuso, inoltre, avrebbe avuto un ruolo fondamentale nell’ottenere informazioni riservate sulle indagini in corso, per poi riferirle ai Valle-Lampada.

I cinque arresti sono stati ordinati dal Gip del Tribunale di Milano Giuseppe Gennari, nell’ambito di un’inchiesta coordinata dai pm della Direzione distrettuale antimafia, condotta dalla Squadra mobile del capoluogo lombardo, guidata da Alessandro Giuliano, e dal Nucleo Tributario della Guardia di finanza. Proprio gli uomini delle Fiamme gialle hanno proceduto all’arresto dei tre colleghi, in servizio a Milano e accusati di corruzione, si sarebbero spartiti 40-50mila euro al mese ottenuti dagli uomini della cosca per chiudere un occhio nei controlli sui videopoker truccati installati nei locali pubblici, un business d’oro per i Vallle-Lampada, già coinvolti in passato in inchieste per associazione mafiosa e usura. I militari erano colleghi di Luigi Mongelli, maresciallo delle Fiamme Gialle arrestato il 30 novembre scorso nella prima tranche dell’operazione. I tre avrebbero goduto da molti anni di una sorta di monopolio nelle attività che riguardavano le macchine da gioco dei locali pubblici milanesi.

Quanto al direttore dell’hotel Brun, un 4 stelle in zona San Siro, l’accusa è di favoreggiamento personale. Dalle indagini che nei mesi scorsi avevano già portato in carcere un avvocato, un politico e un magistrato calabrese, era emerso che il gip del Tribunale di Palmi Giancarlo Giusti, solo indagato, si faceva pagare viaggi a Milano ed escort dagli uomini del clan Lampada, con numerosi pernottamenti al Brun.

Le attività imprenditoriali del gruppo facevano capo a Giulio e Francesco Lampada, proprietari di numerosi bar e locali a Milano, arrestati lo scorso novembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Costa Concordia, rimborsi da 14mila euro a passeggero. Codacons: “Troppo poco”

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, politica, servizi segreti
“Il contatto era con Nicolò Pollari”

next