Sale la tensione negli stabilimenti Fincantieri di Palermo e Sestri Ponente, uniti nella protesta contro il piano di riorganizzazione dell’azienda e l’accordo separato dello scorso 21 dicembre. Il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, ha convocato il prossimo 10 gennaio i sindacati per fare il punto sulla situazione complessiva del gruppo cantieristico. La convocazione, già in programma, è partita ieri ed è stata indirizzata ai sindacati nazionali perché riguarda l’intera azienda.

Se da dieci giorni gli operai di Sestri Ponente bloccano i cancelli dello stabilimento, fermando di fatto gli ultimi lavori alla nave in costruzione che avrebbe dovuto prendere il mare a marzo, a Palermo stamani poco prima delle 10 le maestranze hanno occupato la strada all’altezza della rotonda di viale Regione siciliana, l’arteria principale che attraversa la città e che collega le autostrade per Trapani e Messina. E mentre la protesta era in corso, si è sparsa la voce di 130 lettere di accensione della cassa integrazione per altrettanti operai. Un numero troppo simile a quello indicato nel piano esuberi, che prevede appunto 140 licenziamenti. Gli operai sono tornati davanti ai cancelli per il presidio, ma già è decisa l’assemblea per domani. La Fiom, che non ha siglato con Fim e Uilm l’accordo con l’azienda per la cassa integrazione, sta raccogliendo in queste ore le adesioni alla protesta dai tanti lavoratori che cominciano a non riconoscersi in quell’accordo separato. Così a Palermo come a Sestri la tensione si fa sempre più alta e giorno dopo giorno gli operai che si uniscono ai presidi davanti ai cancelli sono sempre di più.

Sul tema Fincantieri oggi è tornato a parlare anche il presidente della Cei, cardinale Angelo Bagnasco: “E’ una situazione delicata e fonte di preoccupazione – ha detto -. Ma so che c’è la volontà e la determinazione da parte di tutti per salvaguardare il lavoro al di là delle forme e delle tipologie”. Un messaggio schietto che il cardinale riprende quando gli si chiede un commento alla possibilità che salga in modo pericoloso la tensione sociale: “Purtroppo – ha detto il porporato – la tensione sociale è sempre possibile ma direi che non è mai fatale. E la via del dialogo tra diversi soggetti è importante per capire le soluzioni possibili”. Alla mobilitazione degli stabilimenti di Palermo e Sestri Ponente si aggiunge anche quella di Ancona: domani i lavoratori incontreranno il prefetto ma la situazione “è gravissima – dicono in Fiom -, peggiorata da quell’accordo separato. E’ necessario l’intervento diretto del governo centrale”.

Genova, occupato l’aereoporto. Ancora proteste, a Sestri Ponente,contro il piano di riorganizzazione di Fincantieri. Gli operai dello storico stabilimento navale, che da giorni presidiano i cancelli della fabbrica e hanno sospeso la costruzione dell’ultima nave in lavorazione, hanno prima bloccato il traffico del ponente genovese e poi occupato per alcune ore l’aereoporto ‘Cristoforo Colombo’ obbligando i voli in partenza a essere dirottati su altri scali. La direzione ha organizzato insieme con le compagnie aeree alcuni pullman per trasferire i passeggeri in partenza per Trieste e Roma a Milano Linate e quelli del volo British Airways per Londra a Pisa. “Speriamo che Roma dia risposte positive alla richiesta dei lavoratori Fincantieri – è l’auspicio del direttore generale del ‘Cristoforo Colombo’, Paolo Sirigu – in modo da sbloccare la situazione”. In segno di solidarietà con i lavoratori della Fincantieri anche i tassisti dell’aeroporto hanno proclamato 15 minuti di sciopero e la Rsu dei lavoratori dello scala ha diffuso un volantino con scritto: ‘Noi siamo con voi! Piena e totale solidarietà dalla Rsu aeroportuale, dai lavoratori e dalle lavoratrici dell’aeroporto di Genova verso i lavoratori di Fincantieri. Siamo e saremo sempre con voi nella vostra lotta’. Ieri anche il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei e arcivescovo di Genova è intervenuto sulla crisi di Fincantieri: ”E’ una situazione delicata e fonte di preoccupazione. Ma so che c’è la volontà e la determinazione da parte di tutti per salvaguardare il lavoro al di là delle forme e delle tipologie”, ha detto a margine della celebrazione di una messa per i giostrai del lunapark del capoluogo ligure.

Palermo, mobilitazione fino a martedì. Gli operai di Fincantieri Palermo hanno liberato viale Regione siciliana, dopo l’occupazione delle carreggiate all’altezza della circonvallazione. Traffico in tilt, durante la protesta, nell’importante arteria che attraversa la città e collega alle reti autostradali. Poi le tute blu si sono dirette verso il cantiere navale dove continuerà il sit-in ai cancelli, almeno fino a martedì, quando è previsto il tavolo convocato dalla Regione per indurre l’azienda a tornare sui suoi passi in ordine al piano esuberi e di ridimensionamento produttivo. Contestato anche “il silenzio” del governo nazionale. A tenere alto il livello della tensione l’arrivo ieri delle lettere di cassa integrazione per 130 operai che sembra confermare l’intenzione dell’azienda di procedere sulla linea dei 140 esuberi e della cigs per due anni per un massimo di 470 operai su 505. “Si tratta di cigs non concordata”, insiste Francesco Piastra della Fiom Cgil.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inps: nel 2011 cassa integrazione in calo e domande di disoccupazione in lieve crescita

next
Articolo Successivo

Lavoro, incontro tra Fornero e Camusso
Al via confronto tra governo e sindacati

next