L’amministrazione provinciale di Napoli l’aveva creata nel dicembre 2005 e pompata nel tempo di fiumi di milioni di euro pubblici con lo scopo di assorbire i circa 150 lavoratori socialmente utili rimasti disoccupati dopo la liquidazione della Smartway, una partecipata della Provincia: mission la manutenzione ordinaria delle strade provinciali, un autentico disastro di conti e di gestione. E in sei anni la Social Innovation Services (Sis), interamente in mano alla Provincia, che ha provato ad agire nel campo dei servizi sociali e alla persona, pare anch’essa avviata verso il fallimento.

Lo denunciano i sindacati e i dipendenti che nella mattinata del 13 dicembre sono saliti sui tetti dello stabile dove ha sede la società, in via Nuova Poggioreale, mentre una loro delegazione è in assemblea permanente nei locali della direzione aziendale. Sono a rischio circa 165 posti di lavoro. Al termine di una odissea economica e politica che fornisce ottimi argomenti in favore di quella parte della manovra del governo Monti che prevede l’abrogazione delle province. Una vicenda che accomuna centrosinistra e centrodestra in un unico calderone relativamente alle responsabilità del dissesto. Perché la Sis subentrò alla chiusura di Smartway prodotta col centrosinistra, e nacque fragile col centrosinistra (giunta del verde bassoliniano Dino Di Palma, oggi dirigente di Sel). Ed è andata avanti verso il baratro con il centrodestra (giunta del berlusconiano Luigi Cesaro, recentemente indagato nell’ambito dell’inchiesta su collusioni tra politica e camorra culminata in una richiesta di arresto alla Camera per Nicola Cosentino).

Capitale sociale ridotto da 2 milioni di euro a 120.000 euro, perdite per 1.283.000 euro al 30 settembre 2010, che sarebbero lievitate a oltre 2 milioni nell’anno che sta per concludersi, la Sis appare come un esempio di cattiva gestione e di sprechi, con poche mansioni da svolgere e diversi superstipendi da erogare. Il 29 novembre il consiglio provinciale ha approvato l’ennesima ricapitalizzazione salva-azienda. Subordinandola, però, all’approvazione di un piano industriale che riducesse il monte retribuzioni e rimettesse in carreggiata finanze e produttività della società pubblica. La delibera non è piaciuta alle rappresentanze dei lavoratori. “Le soluzioni proposte dalla proprietà per evitare il fallimento dell’azienda – si legge in un comunicato congiunto di Cgil – Filcams Fisascat – Cisl  Uiltucs  Cobas Lavoro Privato Sll Uap Ugl Usb – implicano un pesante taglio agli stipendi dei lavoratori, senza peraltro offrire alcuna prospettiva certa di rilancio aziendale, non esistendo all’oggi alcune ipotesi credibili in ordine a quali commesse affidarle e, soprattutto, con quali risorse finanziarie”.

Secondo i sindacati, la crisi di Sis è “l’epilogo di una vicenda che ha vista questa, come altre società, amministrata all’insegna del malaffare (assunzioni clientelari, spreco di denaro pubblico e incapacità gestionale) e del progressivo svuotamento di funzioni da parte della proprietà”. Captando le voci dei lavoratori, le proteste puntano il dito su un’infornata di assunzioni avvenuta nel 2009 – mentre agonizzava il centrosinistra di Di Palma – senza adeguate coperture finanziarie. Il resto lo avrebbe compiuto il centrodestra di Cesaro, sottraendo a Sis il servizio di trasporto dei disabili e facendo svolgere solo i servizi di vigilanza scolastica. Producendo nei bilanci – affermano i lavoratori in assemblea permanente – un danno di oltre un milione di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, colossi dell’energia verso
taglio di 20 mila posti di lavoro

next
Articolo Successivo

Pomigliano, Marchionne porta in scena l’orgoglio Fiat tra le proteste dei sindacati

next