L'ex governatore sardo Renato Soru

Oltre tre milioni di euro sequestrati dalla Guardia di Finanza a Renato Soru, fondatore di Tiscali, ex governatore della Regione Sardegna e oggi consigliere regionale del Pd. Lo scrive oggi L’Unione sarda. Secondo il quotidiano, il provvedimento è collegato all’inchiesta per evasione fiscale aperta dalla Procura di Cagliari. “Su ordine del giudice per le indagini preliminari di Cagliari Simone Nespoli“, scrive L’Unione Sarda, “sono stati sequestrati tutti i conti correnti intestati a Renato Soru in diversi istituti di credito fino a un ammontare di tre milioni e 20 mila di euro, la cifra che, secondo l’accusa, il patron di Tiscali deve al Fisco”. E se le somme depositate non dovessero bastare, “si passerà al sequestro degli immobili: la villa di Bonaria a Cagliari, case e terreni a Sanluri (in provincia di Cagliari, ndr)”.

Il sequestro era stato chiesto dal pm Andrea Massidda, e controfirmato dal procuratore capo Mauro Mura. Al centro dell’inchiesta ci sarebbe un prestito fatto dalla società Andalas ldt a Tiscali finance per circa 27 milioni e mezzo di euro con i relativi interessi pagati negli anni a favore della società inglese. Soru sinora ha fatto sapere di aver sempre agito nella “assoluta trasparenza e correttezza, anche sotto il profilo tributario”, e di aver fornito ampia collaborazione agli inquirenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, attenti al cambio. Per alcune valute
le commissioni superano il 30 per cento

prev
Articolo Successivo

Un’altra casa da sogno per Scajola
Questa volta all’insaputa del Comune

next