Il procuratore aggiunto di Roma Giancarlo Capaldo

Il procuratore aggiunto di Roma, Giancarlo Capaldo, ha lasciato l’inchiesta sugli appalti Enav. Lo rende noto il procuratore capo, Giovanni Ferrara. La decisione del magistrato è collegata agli sviluppi della vicenda relativa alla partecipazione dello stesso Capaldo a un pranzo avvenuto nell’abitazione di un avvocato romano, Luigi Fischetti, al quale hanno partecipato anche il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, e il parlamentare Pdl, Marco Milanese.

”Prendo atto del gesto del dott. Giancarlo Capaldo – scrive in un comunicato il procuratore Ferrara apprezzando il senso istituzionale di tale scelta intesa ad allontanare dalla Procura di Roma strumentalizzazioni inopportune. Mi rammarico – conclude il procuratore capo di Roma – per tale decisione che non posso non condividere”.

Le indagini sugli appalti Enav della Procura di Roma saranno ora coordinate soltanto dal procuratore aggiunto della Capitale, Alberto Caperna, e dai sostituti Paolo Ielo, Giovanni Bombardieri e Rodolfo Capelli. Il Procuratore Caperna già affiancava nelle indagini Capaldo a seguito delle polemiche. Intanto sul procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo è aperta anche un’inchiesta da parte della prima commissione del Csm e della Procura generale della Corte di Cassazione che dovrà valutare eventuali azioni disciplinari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Da Apicella ad Aznavour, l’evoluzione musicale di B.

prev
Articolo Successivo

Fine vita, il caso choc di Treviso
Il giudice concede sospensione delle cure

next