“In Libia ci sono un milione e mezzo di clandestini: in questi giorni stanno scappando verso ovest e verso est ma mi aspetto che in futuro possono andare anche verso nord”. Roberto Maroni ha relazionato sulla situazione in Libia durante l’audizione alle Commissioni congiunte Affari costituzionali ed Esteri di Camera e Senato. Il ministro dell’Interno si è detto fortemente preoccupato dalla crisi che potrebbe degenerare e “portare ad una situazione simile a quella dell’Afghanistan o della Somalia. E’ un rischio grave e reale e mi auguro che la comunità internazionale dica la sua”.

“Secondo la nostra intelligence – ha aggiunto – c’è un’ attività di associazioni vicine ad Al Qaeda nel Maghreb che mirano a fare proselitismo e l’Europa non può solo minacciare sanzioni, serve un piano straordinario di intervento, una sorta di piano Marshall che possa consentire uno sviluppo economico a quei paesi”. Gheddafi, ha aggiunto Maroni, “era dato per finito ma sta resistendo; la struttura della società è fondata sulle tribù e c’è una situazione di stallo che nessuno può prevedere quando si risolverà, in un senso o nell’altro”. E ha insistito: “Il rischio che instabilità favorisca infiltrazioni del terrorismo internazionale è reale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Clinton chiede inchiesta su Gheddafi per attentato di Lockerbie

prev
Articolo Successivo

Gheddafi bombarda a ovest di Bengasi
E a Berlusconi dice: “La Libia sono io”

next