E’ un anniversario che non avrebbero voluto ricordare e dopo un anno di sacrifici e di lotte per la vertenza Vinyls sono ancora in attesa della soluzione. Gli operai che avevano occupato l’isola dell’Asinara, ribattezzata “Isola dei Cassintegrati”, esattamente un anno fa non pensavano che 12 mesi della loro vita l’avrebbero trascorsa in un ex carcere di massima sicurezza.

Hanno vissuto un anno da autoreclusi e non pensavano che la loro protesta si sarebbe protratta così a lungo. Sull’isola i cassintegrati Vinyls dormono nelle celle della diramazione centrale di Cala d’Oliva, a pochi passi dal super bunker in cemento armato dove venne rinchiuso Totò Riina. Sulla terraferma, invece, da oltre un anno, dal 7 gennaio 2010, i loro colleghi occupano la torre Aragonese a Porto Torres. Due postazioni di lotta che non sono venute mai meno, sempre presidiate per ricordare a opinione pubblica, politici e imprenditori che i posti di lavoro, ma soprattutto la chimica, in Italia hanno ancora un senso e che devono essere salvaguardati.

Ora vi sono le rassicurazioni del Governo sulla firma imminente del contratto preliminare fra Eni ed il fondo svizzero Gita, che dovrebbe rilevare gli stabilimenti di Porto Marghera, Ravenna e Porto Torres. Ma i tempi si sono dilatati e ogni giorno che passa la fatica dell’attesa si fa sempre più insopportabile. I lavoratori che, dopo aver bloccato porti e aeroporti ed essersi incatenati ai cancelli dell’azienda, hanno scelto di inventare una nuova forma di protesta pacifica, non mollano i loro presidi. E la lotta è diventata anche evento mediatico grazie a collegamenti Tv ed alla potenza dei social network: sulla pagina Facebook gli amici dei cassintegrati oggi sono oltre centomila.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vittorio Emanuele replica: “Avete montato le immagini”. Ma non ha visto l’integrale

next
Articolo Successivo

La ‘ndrangheta investe nella tav al Nord? Il giudice dice no e toglie l’associazione mafiosa

next